Rinviate tutte le manifestazioni nel mondo ed anche le Olimpiadi, eppure a Gubbio si pensa ancora alla Festa dei Ceri del 15 maggio...

03.04.2020 18:30 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Fonte: Antonello Menconi
Rinviate tutte le manifestazioni nel mondo ed anche le Olimpiadi, eppure a Gubbio si pensa ancora alla Festa dei Ceri del 15 maggio...

A Gubbio stanno ancora pensando alla Festa dei Ceri del 15 maggio. C'è chi pensa ancora di poterla fare. Evidentemente nella cittadina umbra hanno più dubbi che in tutto il resto del mondo, come lo conferma che senza troppe titubanze sono state rinviate anche le Olimpiadi di Tokio, previste a luglio. C'è stata la riunione del «Tavolo dei Ceri» svoltasi via skype e tutti si sono dati appuntamento a dopo il 13 aprile, in attesa di conoscere la normativa in vigore in rapporto alla situazione sanitaria del paese. Coordinata dal sindaco Filippo Mario Stirati, alla riunione hanno preso parte i presidenti dell’Università dei muratori scalpellini ed arti congeneri Fabio Mariani, del Maggio Eugubino Lucio Lupini, del Cappellano dei Ceri don Mirko Orsini, dei presidenti delle Famiglie dei Santubaldari, Ubaldo Minelli, dei ceraioli di San Giorgio, Patrick Salciarini e dei Santantonari, Alfredo Minelli. Non è stato deciso il rinvio nonostante la drammatica situazione a livello mondiale provocata dal Covid-19 sotto il profilo sanitario oltre che socio-economico; il suo svolgimento eventuale è legato non tanto alla volontà delle istituzioni locali, quanto, sembra, soprattutto alle normative in vigore. Se venissero prorogate nella sostanza quelle appena riconfermate, non ci sarebbero le condizioni per consentire l’annuale irrompere della celebre e coinvolgente manifestazione. «Abbiamo promosso questa riunione – ha detto il sindaco Stirati - cercando di interpretare con sensibilità e spirito di condivisione lo stato d’animo della città e le legittime preoccupazioni in vista del prossimo 15 Maggio. Siamo dentro ad una situazione eccezionale, storica, che sta fermando l’Italia e il Mondo. Una cosa è chiara per ora: con le attuali disposizioni governative, in vigore fino al 13 aprile, la Festa dei Ceri non potrebbe svolgersi. Per questo ci siamo detti con il Tavolo dei Ceri, che ringrazio, che valuteremo la situazione dopo il 13 di Aprile, mi metterò in contatto con il Prefetto Sgaraglia per capire meglio lo scenario che si prospetterà in quel determinato momento. E’ stato deciso di coinvolgere anche Capitani e Capodieci dell’anno corrente, il tutto in un momento che mai ci saremmo aspettati di affrontare. Dopo Pasqua tireremo le somme».