"Il nostro obiettivo è quello di continuare a migliorare: sì, anche a Lecce"

22.10.2021 16:00 di Redazione Perugia24.net   vedi letture
"Il nostro obiettivo è quello di continuare a migliorare: sì, anche a Lecce"

Chiunque sia l’avversario Massimiliano Alvini ha sempre la sua idea: pensare al Perugia, che cresce gara dopo gara. Queste le sue parole raccolte da Francesca Mencacci per La Nazione. «Io non parlo di continuità ma di miglioramenti, quelli che mi aspetto anche contro il Lecce. Perché è attraverso i passi in avanti che si dà continuità ai risultati», spiega l’allenatore biancorosso. «La gara con il Brescia – aggiunge Alvini – ci ha dato la possibilità di migliorare quegli aspetti che dobbiamo e possiamo migliorare. Noi continuiamo a lavorare su noi stessi». E così, dopo aver conquistato il primo successo interno e contro un big, il Perugia si mette in viaggio per raggiungere Lecce e affrontare un’altra grande del campionato di B. Fino ad ora i biancorossi non hanno mai steccato lontano dal «Curi». «Ho un gruppo maturo e consapevole che sa quello lo aspetta. Metteremo in campo sempre i nostri punti di forza, contrattaccheremo sempre. Grande rispetto per il Lecce che è una grande squadra, ma mi interessa quello che vogliamo essere noi». La settimana di lavoro è scorsa con qualche intoppo. «Abbiamo lavorato per migliorarci, è stata una settimana positiva con qualche contrattempo quotidiano, ma siamo sul pezzo e siamo concentrati, sono contento. Quella di Lecce è una partita del nostro percorso, abbiamo grande rispetto, metteremo in campo una grande attenzione, ma anche stavolta vogliamo essere la squadra che siamo, che vuole continuare il percorso che ha intrapreso». I buoni risultati conquistati in questa prima parte di stagione hanno alimentato aspettative che l’allenatore tiene a distanza. Anche se precisa. «Le aspettative sono dei serial killer per chi fa questo lavoro. Dobbiamo pensare solo a crescere – conclude – . L’obiettivo della squadra non cambia, semplicemente se continuiamo così lo raggiungeremo più velocemente. Ma dobbiamo ragionare sempre pensando giorno dopo giorno».