Fabio Caserta e il Perugia: perchè non si chiude il rapporto? Un motivo c'è...

08.06.2021 20:19 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Fabio Caserta e il Perugia: perchè non si chiude il rapporto? Un motivo c'è...

Scrive Francesca Mencacci su La Nazione che manca la firma sulla risoluzione del contratto di Fabio Caserta che chiuderà con due anni di anticipo il legame del tecnico con il Perugia. Ma perché continua a slittare l’appuntamento del tecnico con la società di Pian di Massiano? C’è forse un accordo ancora da trovare?. Ma da che parte? Ricapitolando: il Perugia e il Benevento, stando a quanto emerge dalla città campana e da quella umbra, sarebbe già d’accordo su come risolvere la questione. Quindi non ci sarebbero intoppi tra le due società che si sono trovate sull’indennizzo per la rescissione anticipata dell’allenatore. A questo punto la questione si sposta sul tecnico: Caserta deve ancora trovare l’accordo con il Benevento oppure con il Perugia? Con il club campano dovrebbe esserci un’intesa di massima, magari servirà limare i dettagli (con Caserta a Benevento ci saranno anche Salvatore Accursi e il preparatore atletico Chinnici), gli stessi che l’allenatore dovrà sistemare con il Perugia. Sicuramente ci sarà da discutere su qualcosa, certo è che il giorno giusto potrebbe essere oggi. Il pezzo mancante del puzzle sarà trovato quando a Pian di Massiano si scriverà la parola addio. A Benevento e a Perugia attendono per oggi la chiusura delle operazioni per poter iniziare a pensare alla prossima stagione che per entrambe sarà in serie B. C’è un allenatore, Massimiliano Alvini; che sta aspettando e con il quale ci sarà da mettersi seduti intorno a un tavolo per fare il punto della situazione sulla rosa a disposizione. Alvini è reduce da un’esperienza negativa, figlia anche di scelte che non hanno premiato. La Reggiana, tornata in B dopo venti anni, ha scelto di confermare in blocco o quasi tutti gli interpreti della cavalcata vincente e alla fine la rosa non si è dimostrata completamente all’altezza dell’impegno, vista la retrocessione. Certo è che il tecnico, che a questo punto potrebbe firmare un annuale con opzione dopo la recente delusione con Caserta, dovrà fare al più presto il punto della situazione per capire, con la società, se optare per la via della rivoluzione oppure se puntellare (seriamente) la rosa attualmente a disposizione.