"Dispiaciuto sul piano umano perchè mi sento tradito da Fabio Caserta: non c'era la volontà di continuare"

17.06.2021 18:37 di Redazione Perugia24.net   vedi letture
"Dispiaciuto sul piano umano perchè mi sento tradito da Fabio Caserta: non c'era la volontà di continuare"

In conferenza stampa il presidente del Perugia, Massimiliano Santopadre (nella foto pubblicata da Grifotube), ha parlato anche di Fabio Caserta, spiegando che “è stato fatto un percorso importante ed a Caserta l’anno scorso avevo spiegato i tre anni che avremmo dovuto fare insieme anche in caso di B. Il mister sapeva bene. Il giorno successivo alla promozione in B conquistata a Salò ho chiamato l’allenatore per pianificare un incontro, precisando che tenevo molto alla Supercoppa e chiedendogli di non creare distrazioni sulla partita con la Ternana per tante ragioni, non solo per il trofeo in palio. Dopo la Supercoppa ho trovato un atteggiamento diverso, ho visto che c’erano da parte sua dei dubbi. Ho chiesto di fare la foto – ha detto il presidente - ma Caserta ci ha chiesto di aspettare fino al martedì successivo. In questi giorni sono poi uscite tutte quelle voci sul Benevento ed ho chiamato il presidente Vigorito che mi ha spiegato l’interesse. Con lui ho trovato subito un accordo e successivamente ci siamo rivisti con Caserta. Ho visto anche un uomo combattuto, forse perché era a disagio nei miei confronti, della società e dei tifosi. Oppure penso che quando si firma un contratto ci debba essere una certa forma nel rispettare gli impegni, da ambo le parti. Successivamente, tenendo all’azienda, ho fatto gli interessi del Perugia”. Santopadre ha aggiunto “di essere dispiaciuto dal punto di vista umano, perchè mi sono sentito tradito. Volevo continuità per questo percorso, ma non ci sono riuscito. Però quando non vedo la volontà di continuare insieme devo andare avanti e pensare ad altro”.