Conti alla mano, per Perugia o Pescara una retrocessione in C costerebbe almeno 10milioni di euro

10.08.2020 05:17 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Conti alla mano, per Perugia o Pescara una retrocessione in C costerebbe almeno 10milioni di euro

Il Perugia gioca per il suo futuro sul campo e anche per quello societario. La retrocessione costerebbe a Santopadre un ridimensionamento del giro d'affari di almeno 10 milioni di euro. A tanto ammontano all'incirca i soldi in ballo in queste sfide salvezza contro il Pescara, che ovviamente combatte contro lo stesso fantasma. La C è un buco nero in cui il Perugia non deve farsi risucchiare per assicurarsi un futuro e per continuare ad essere il riferimento calcistico della regione. I club di B, in media, possono contare su un fatturato (la somma di ciò che il club fattura, non parliamo di utile o perdita, risultati che vengono fuori dalla differenza tra costi e ricavi) tra i 10 e 15 milioni di euro. In C, la cifra si riduce di oltre un terzo. Crollano mutualità e diritti tv, diminuiscono drasticamente visibilità e appeal del marchio, di conseguenza calano a picco anche sponsor e ricavi da botteghino e marketing. E anche il valore dei calciatori più appetibili sul mercato.