Le scuole non riaprono: respinte al mittente le pressioni per tornare in classe

14.01.2021 08:30 di Redazione Perugia24.net   vedi letture
Le scuole non riaprono: respinte al mittente le pressioni per tornare in classe

Le scuole superiori non riapriranno in presenza fino al 25 gennaio. Ieri la presidente della Giunta regionale Donatella Tesei lo ha confermato nel caso ce ne fosse stato bisogno. A nulla sono valse le pressioni che arrivano da più parti. Anche perché, ha fatto intendere la presidente, il quadro volge al peggio. «In questo momento siamo sopra i 4mila positivi al virus, l’indice Rt si attesta sull’1, il tasso di mortalità e del 2,14 per cento, quindi nella media, i ricoveri dovuti al covid sono 223, con 51 pazienti in terapia intensiva, il che significa avere un carico significativo per le nostre strutture ospedaliere, pur avendo ulteriori posti covid e di terapia intensiva attivabili. Purtroppo abbiamo dovuto procrastinare la ripresa delle lezioni in presenza nelle scuole superiori al 25 gennaio, nonostante fossimo pronti, anche con trasporti adeguati, a consentire la ripresa al 50 per cento. Questo periodo ci permetterà di incrementare il numero delle persone vaccinate e iniziare il testing volontario per ragazzi e insegnanti». E intanto la didattica a distanza prosegue.