Frosinone-Perugia: le pagelle dei ciociari

11.09.2021 21:43 di Redazione Perugia24.net   vedi letture
Fonte: Luca Esposito
Frosinone-Perugia: le pagelle dei ciociari

Frosinone-Perugia 0-0

Frosinone

Ravaglia 6,5 - Una doppia parata al terzo minuto consente al Frosinone di tenere la porta inviolata. Andare sotto in avvio avrebbe terribilmente complicato i piani. Dopo Vicenza ecco un’altra performance di spessore.

Cotali 6 - Concreto e concentrato dal primo all’ultimo minuto, non sbaglia quasi nulla.

Gatti 6 - A Vicenza aveva sofferto la rapidità di Diaw, oggi ha saputo riscattarsi. Decisiva una chiusura di testa su Sgarbi. A metà ripresa si produce in una inusuale sortita offensiva e solo un’uscita di Chichizola gli nega la gioia della rete.

Zampano 6 - Sarà perché dalle sue parti gioca un certo Lisi, sarà perché Grosso chiede agli esterni bassi di mantenere la posizione, ma quest’anno stiamo vedendo un calciatore meno propositivo e più difensivo. Merita la sufficienza.

Szyminski 6,5 - Carretta e Murano sono clienti scomodi, ma lui è padrone assoluto della propria area di rigore e non fa passare nulla.

Maiello 6 - Solita gara arcigna, poi prende il giallo ed è costretto a giocare con meno aggressività. Giusto il cambio. (Dal 15’st Rohden 5 - Ha una grande chance per sbloccare lo 0-0, ma sbaglia una sorta di rigore in movimento. Non entra in partita, nel finale prende anche un’ammonizione ingenua).

Boloca 5,5 - Per impegno e intensità è indiscutibile, ma non sempre è preciso negli appoggi. Ha una buona chance dal limite dell’area, ma il tiro è debolissimo.

Zerbin 6 - Si accende ad intermittenza, quando lo fa è estremamente imprevedibile. Ma in una squadra che fa dell’intensità la sua arma migliore non puoi permetterti di giocare a sprazzi. Piccolo passo indietro rispetto a due settimane fa. (Dal 15’st Tribuzzi 6 - Ci prova due volte dalla distanza ma non inquadra il bersaglio).

Canotto 6 - Suona la carica nei momenti di difficoltà, ma non riceve sempre adeguata assistenza. Sfiora il vantaggio con una giocata super a inizio ripresa, il pallone esce per una questione di centimetri. (Dal 15’st Cicerelli 6,5 - Castori, a Salerno, lo definiva “calciatore di squilibrio”. Non a caso i granata segnavano tanti gol soprattutto quanto entrava dalla panchina e sfruttava la sua freschezza. Nell’uno contro uno è quasi imprendibile).

Garritano 6,5 - Giocatore completo, un jolly offensivo che consente a Grosso di variare spartito tattico mantenendo gli stessi interpreti. Gli manca solo il gol, esce tra gli applausi. (Dal 30’st Charpentier sv).

Ciano 5,5 - Voleva festeggiare diversamente le 150 presenze con la maglia del Frosinone, in realtà è stata una partita quasi anonima.(Dal 37’st Ricci sv).

Allenatore Fabio Grosso 6 - Così come a Vicenza, la sua squadra parte in sordina e poi esce alla distanza. Stavolta senza concretezza negli ultimi sedici metri.