Domani si gioca Fano-Perugia, la prima di ritorno: La Nazione fa il punto della situazione

23.01.2021 15:50 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Domani si gioca Fano-Perugia, la prima di ritorno: La Nazione fa il punto della situazione

La giornata, la prima di ritorno, si presenta ricca di testa-coda. Scrive Francesca Mencacci su La Nazione che è un appuntamento, per il Perugia, da non fallire. I biancorossi sfidano il Fano, terzultimo in graduatoria, la capolista Sudtirol (un punto in più dei grifoni) se la vedrà con il Ravenna, penultimo in classifica, il Padova (36 come la squadra di Caserta ma con una sfida in meno) affronta in trasferta l’Imolese, partite sulla carta più insidiose per il Modena (36 punti come la squadra di Caserta) che se la vedrà con Gubbio, e per il Cesena che riceve la Virtus Verona. Insomma, il Grifo non può perdere terreno visto che deve ancora recuperare, e in questa domenica non può certo rallentare sul campo del Fano. Dopo il tris i biancorossi vanno a caccia del poker, forti di alcuni numeri che rincuorano Fabio Caserta. La sua squadra, infatti, va in gol da sette turni consecutivi, dopo il doppio 0-0 con Carpi e Gubbio, il Perugia ha realizzato quindici gol, una media di oltre due reti a partita. Ben nove gol sono arrivati negli ultimi tre appuntamenti, con l’esplosione di Minesso che da solo ne ha realizzati cinque. Minesso è solo tra gli ultimi a partecipare alla festa del Grifo: già, perché i biancorossi sono una bella banda del gol, un’orchestra di tredici elementi (in campionato) che suonano una musica dolce per le ambizioni del club e dei suoi tifosi. Solo la Feralpisalò ha fatto meglio, portando al gol 14 giocatori, l’ultimo in ordine temporale, Guerra domenica scorsa al Curi allo scadere. In difesa hanno segnato Sgarbi, Negro, a centrocampo hanno messo la firma Elia, Dragomir, Kouan, Moscati, domenica scorsa Burrai e Falzerano, in attacco, invece, gol per Melchiorri, Minesso, Murano, Bianchimano e anche Vano. Rosi e Lunghi, invece, hanno realizzato in Coppa Italia. Ma andando a fondo con i numeri, c’è un dato che balza all’occhio: in trasferta l’attaccante che ha segnato di più è Melchiorri, che ha ripartito le marcature, tre in casa e tre fuori. Murano ne ha segnati due su cinque lontano dal Curi, Minesso invece uno su cinque, Bianchimano uno su tre. Serve il bomber da trasferta, dei trenta gol fatti in totale, solo un terzo è stato realizzato lontano da casa, nessuna squadra di testa presenta questo divario. Ma quella di Fano è la seconda uscita del Grifo con il nuovo modulo, la prima ha visto i biancorossi in gol tre volte.