Al Perugia calcio torna l'incubo Covod-19: un giocatore positivo prima della sfida con il Brescia

28.10.2020 11:30 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Al Perugia calcio torna l'incubo Covod-19: un giocatore positivo prima della sfida con il Brescia

Comne scruve Francesca Mencacci su La Nazione, l’incubo-Covid torna a bussare a Pian di Massiano. Dopo il caos tamponi di settembre, che ha fatto slittare la preparazione della squadra a causa di un errore di laboratorio, stavolta il problema è reale, anche se per fortuna contenuto. Un giocatore positivo, tutti gli altri sono invece risultati negativi anche al secondo ciclo di tamponi effettuato una volta appreso il caso. Ieri mattina, quindi, il Perugia si è svegliato con un caso di positività, alla vigilia della partita con il Brescia, in agenda oggi. Un problema nel problema. Il club lo ha reso noto con un comunicato: «Nel corso dei test eseguiti dal gruppo squadra entro le 48 ore antecedenti la gara è stata riscontrata una positività al Covid-19 di un calciatore, il quale è stato prontamente isolato presso il domicilio secondo le direttive federali e ministeriali. Nel rispetto delle suddette norme abbiamo predisposto per l’intero gruppo squadra un nuovo ciclo di test mediante “tampone rino-faringeo” effettuato nella mattinata odierna. In accordo con le autorità sanitarie competenti, il gruppo squadra ha già iniziato l’isolamento fiduciario, con la possibilità di svolgere la regolare attività di allenamento per tutti gli atleti negativi». Preso atto della positività, la squadra non ha svolto la seduta al campo di allenamento prevista al mattino per preparare la gara di Coppa Italia, ma è stata subito sottoposta ad un nuovo ciclo di esami, necessari per scongiurare altre positività e anche per poter partire per raggiungere Brescia in vista della partita di oggi. I biancorossi hanno trascorso qualche ora con il fiato sospeso, la partenza, inizialmente fissata per le 14 è slittata a dopo il responso, intorno alle 18. A metà pomeriggio, infatti, è arrivato il risultato del secondo ciclo di tamponi per tutto il gruppo squadra che ha dato «esito negativo», i giocatori quindi hanno lasciato Pian di Massiano per raggiungere la sede del match di Coppa Italia. Oggi, infatti, si gioca il terzo turno eliminatorio, una sfida di metà settimana che in casa-Grifo, con gli impegni ravvicinati di campionato, è quasi un problema. Certo è che il tecnico del Perugia non intende a fare brutte figure, quindi anche se attuerà un importante turn over, in campo ci sarà una squadra competitiva. Se il Perugia è alle prese con il Covid, non è diverso il clima che si respira a Brescia, anche in casa dell’avversario del Grifo la situazione non è serena. Pure le «rondinelle», infatti, hanno vissuto la vigilia della gara di Coppa Italia in attesa del responso dei tamponi. L’avversario del Grifo, infatti, domenica non è sceso in campo, nel derby contro la Cremonese, a causa di una positività nel gruppo squadra. Un giovane della Primavera aggregato al gruppo di Lopez. Caso che ha fatto rinviare la partita di serie B. I calciatori si sono sottoposti ad altri controlli e nel pomeriggio è arrivato l’esito: tutti negativi i giocatori della squadra lombarda che oggi affronterà il Grifo. A Brescia non si tratta del primo caso, come noto, sono ancora isolati Torregrossa e Ragusa (positivi e asintomatici), ma a questi non si aggiungono nuovi calciatori.