"Giocare a Perugia è stato bello, un'esperienza fantastica. Gaucci ha fatto pazzie, ma era divertente"

08.06.2020 11:00 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
"Giocare a Perugia è stato bello, un'esperienza fantastica. Gaucci ha fatto pazzie, ma era divertente"

Ai microfoni di Four Four Two ha parlato Jay Bothroyd, meteora anche in Italia con la maglia del Perugia e ora in Giappone all'Hokkaido Consadole Sapporo. "Ho sempre voluto giocare in Italia: guardavo Football Italia su Channel 4 ogni domenica con mio padre ma quando sono arrivato a Perugia, nessuno parlava inglese. E' stata dura, spendevo anche 7mila euro di bolletta di telefono. Se Luciano Gaucci provò davvero a prendere Hanna Ljungberg, una donna, in squadra? E' stato uno scherzo. Un giorno mi disse 'Jay, dirò ai giornali che firmeremo con questa svedese così ti sentirai più a casa'. Dal giorno dopo ho dovuto rispondere a domande su questo ma... Giocare a Perugia è stato bello, un'esperienza fantastica. Gaucci ha fatto pazzie ma era divertente. Gheddafi? Era scarso, non era bravo. Però aveva quote del club, gli piaceva il calcio e si allenava con noi. Era un biliardario e andava ammirato perché sudava con noi ogni giorno. E poi è stato grazie a lui che ho conosciuto mia moglie a un compleanno. Ho conosciuto una persona corretta, gentile: chiedeva consigli sulle punizioni al telefono a Maradona e come personal trainer aveva Ben Johnson".