Partita la stagione dell'atletica leggera in Umbria con le prime gare al Santa Giuliana

13.04.2021 18:30 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Partita la stagione dell'atletica leggera in Umbria con le prime gare al Santa Giuliana

Parte subito con un primato e una bellissima prestazione la stagione all'aperto dell'atletica umbra. Al Santa Giuliana Damiano Colais (Lib. Città di Castello) migliora il suo record regionale nel giavellotto allievi (48.07) e Benedetta Scarponi (Arcs Cus Perugia) arriva con 42. 14 a 23 centimetri dal primato umbro del lancio del giavellotto femminile. Il "Trofeo Perugia Riparte", gara nazionale di atletica leggera dalla categoria in su, vede al via tantissimi atleti, provenienti anche dalle regioni limitrofe e non solo. Sensazionali le prestazioni di Junior Tardioli (Educare con il Movimento) che, dopo i miglioramenti nelle indoor, apre la stagione con 11.13 nei 100 condizionati dal vento (-3.2 metri) e poi chiude con uno strepitoso 49.01 nei 400 metri che vale il limite regionale di Umberto Molini. Fra i cadetti doppietta lungo e 80 per Francesco Patumi. Nella gara del martello lo junior Gregorio Giorgis (Lib. Città di Castello) lancia 61.90 con l'attrezzo dei grandi (7.260 kg), prestazione non distante dal 62.43 del personale. 

LANCI: COLAIS RECORD, SCARPONI CRESCE - Subito un primato in apertura con Damiano Colais (LIb. Città di Castello) che nel lancio del giavellotto, al quarto tentativo, ottiene un brillante 48.07 che aggiunge 20 centimetri al record umbro allievi realizzato da lui stesso nel 2020. Impresa sfiorata anche nella gara assoliuta femminile: con un lancio al primo tentativo di 42.14 Benedetta Scarponi (Arcs Cus Perugia) mette nel mirino il primato regionale assoluto del giavellotto (attrezzo di 600 grammi) che dal 1999 appartiene Simona Fioretti. Una crescita di mezzo metro rispetto al personale datato 2018 (41.65) a cui seguono lanci di misura inferiore.  Nel peso allieve Anne Amina Yimga (Arcs Cus Perugia) resta al di sotto del suo primato lanciando un comunque positivo 12.67. Nel martello allieve 45.45 di Martina Tagliaventi (Arcs Cus Perugia). Prima stagionale convincente per una delle punte di diamente dell'atletica umbra: Gregorio Giorgis (Lib.Città di Castello) lancia nel martello l'attrezzo dei 7.260 kg a 61.90, a 53 centimetri dal personale ottenuto lo scorso anno agli assoluti di Padova. Alle sue spalle 52.74 di Mirko Casavecchia (Libertas Orvieto). Il martello femminile premia la ternana Serena Argenti (Bracco Milano) con 50.89 con la junior Silvia Frizza (Arcs Cus Perugia) che cresce a 36.34.

TARDIOLI CHE 400, E IL VENTO... I VELOCISTI - Il vento contrario sul rettilineo di arrivo stabilmente sopra il metro e mezzo condiziona le prestazioni dei velocisti. Nella serie con gli accrediti migliori Giovanni Bianchi (Athlon Bastia) chiude in 11.25 ma fa sensazione l'11.13, migliore prestazione di giornata, di Junior Tardioli (Educare con il Movimento) con addirittura 3.2 di vento contro e un problema in partenza. Un crono di valore viste le condizioni per un ragazzo che è stato quarto ai tricolori indoor nei 200 col primato regionale di 21.97. Nei 400 arriva poi un risultato davvero importante: il 49.01 con cui ferma il cronometro vale il record regionale, il 48.9 manuale datato 1983 di Umberto Molini (da regolamento per parificarlo ad elettronico vanno aggiunti 14 centesimi).   
MEZZOFONDO, A PASETTI GLI 800 - La junior primo anno Chiara Pasetti (Csain Perugia) si impone negli 800 in 2:23.46 e toglie 7 secondi al personale. Terza l'allieva del 2005 Sara Diomedi (Athletic Terni) in 2:30.79. Al maschile vittoria di Alessandro Di Loreto (Studentesca Rieti) che ha preceduto, in 2:00.52, di 6 centesimi Jean Marc Diomande (Athletic Terni). Terzo Felipe Granocchia (Atl. Capanne) in 2:01.14. Nei 3000 maschili primo posto di Leonardo Grilli (Atl. Umbertide) che ferma il cronometro in 9:05.24 precedento nella classifica combinata delle serie il toscano Ernesto Palchetti (9:07.12) e la promessa Marco Melchiorri (Winner Foligno, 9:22.26). I 3000 femminili sono appannaggio di Chiara Belfico (Arcs Cus Perugia) che chiude in 10:29.92 precedendo le compagne di squadra Laura Ribigini (10:39.61) e Michela Bonifazi (10:59.19). 

CADETTI, PATUMI SI MIGLIORA - Nel salto in lungo cadetti Francesco Patumi (Lib. Arcs Perugia) atterra al secondo tentativo a 6.24 migliorando il 6.01 all'aperto della passata stagione (sopra i 6 metri, 6.19 anche il quinto tentativo). Settimo lo scorso anno ai campionati italiani di categoria Patumi vanta un 6.36 nella stagione appena conclusa al coperto. Patumi che bissa il successo negli 80 metri chiusi in 9.85 (-1.8) davanti a Riccardo Sciavartini (Winner Foligno) che ha chiuso in 9.92 sempre nella serie con accrediti migliori. Il terzo crono è arrivato dalla terza serie dove Michele Antinori (Athletic Terni) ha corso in 10.30 con -2.5. Al femminile 11.28 nella terza serie per Aurora Orlandi (Atl. Capanne) con -2.8 che ha fatto meglio della compagna di squadra Arianna Binaglia (prima nella seconda serie in 11.32 con -2.0) e Matilde Albiani (Atl. Pakman) vincitrice della prima serie in 11.36 (-1.0). Nei 1000 metri prima serie condizionata dall'avvio super del toscano Latena Cervone, vincitore in 2:40.16, con i nprotagonisti della rappresentativa Stefano Santarelli e Omar Fiki (Winner Foligno) che sono finiti dietro. Così è Ettore Billai (Atl. Umbertide) il migliore degli umbri, secondo in 2:59.53. Nella seconda serie vittoria e terzo posto generale per Nicola Porcari (Athletic Terni), anche lui protagonista nella squadra umbra undicesima ai campionati cadetti. La gara femminile è stata vinta da Marta Gianninoni (Acquadela Bologna) in 3:17.44: terza e migliore delle umbre Alessandra Fruhbeck (Winner Foligno) in 3:26.19. Nel martello buon 41.25 con l'attrezzo da 3 kg per Anita Calavaglio (Lib. Città di Castello) mentre al maschile il migliore è il compagno di squadra Mattia Pasquetti con 45.81.