Luci e ombre per il Perugia Calcio Femminile tra prima squadra e Primavera

14.10.2020 19:33 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Luci e ombre per il Perugia Calcio Femminile tra prima squadra e Primavera

Una bella vittoria, in rimonta, e una nuova sconfitta. Il turno delle ragazze biancorosse, tra la Primavera che conquista un importante successo contro le giallorosse e il Perugia femminile che trova un nuovo ostacolo nel suo campionato di serie B. A sorridere sono le giovani ragazze della Primavera. Per le biancorosse una giornata ricca di emozioni: con una stupenda rimonta hanno sconfitto le pari età della Roma e ottenuto così la prima vittoria in campionato. Biancorosse che sul punteggio di 2-1 in favore della squadra ospite non si sono perse d’animo ma, anzi, hanno tirato fuori il meglio ribaltando il risultato sul 3-2. In gol Noemi Viola, Federica Annibaldi e Ylenia Busecchini. «Ho visto scendere in campo una squadra determinata – ha commentato Francesco Micheli – è stata una partita giocata più sul lato agonistico che su quello tecnico e le ragazze non si sono fatte cogliere impreparate tirando fuori il carattere che serve in quei momenti». Tutta la squadra ha voluto dedicare la vittoria al capitano Erin Maria Cesarini che sfortunatamente ha dovuto interrompere la sua gara a causa di un infortunio al gomito. Unica nota negativa di una domenica raggiante. Amara sconfitta, invece, per le ragazze di Mancini che chiudono una piovosa domenica a Cesena con il risultato di 4-0. Tripletta di Petralia e sigillo di Beleffi le reti delle romagnole. Non trovano punti sul campo, nel campionato di serie B, le grifoncelle ma il tecnico chiede pazienza. «Dobbiamo da un lato avere pazienza, dall’altro siamo chiamati ad invertire prima possibile la rotta riportando a casa al più presto punti, importanti soprattutto per il morale. Ci siamo scontrati con una squadra di giocatrici la cui esperienza si è fatta sentire sul campo. Siamo stati inoltre penalizzati oltre misura anche da un meteo inclemente, con la pioggia incessante che ha reso il campo pesantissimo. Nulla da rimproverare alle ragazze che si sono battute comunque a testa alta».