L'Assisi Volley si deve fermare per vandalismo! Imbrattata la palestra con la polvere degli estintori

01.07.2020 14:28 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
L'Assisi Volley si deve fermare per vandalismo! Imbrattata la palestra con la polvere degli estintori

«Siamo costretti a un altro stop e anche questa volta uno stop imposto». Commentano così a La Nazione (nell'articolo a firma di Maurizio Baglioni) i responsabili dell’Assisi Volley costretti a fare i conti con l’indisponibilità della palestra della Scuola Secondaria «Galeazzo Alessi» dove svolge le sue attività: è stata ricoperta di polvere bianca contenuta negli estintori svuotatI senza alcun motivo nella struttura sportiva. «Purtroppo nel fine settimana alcune persone si sono divertite a rendere inutilizzabili i locali della palestra in cui ci alleniamo, cospargendo meticolosamente il campo di gioco con la polvere degli estintori: centimetro dopo centimetro – dice Corrado Santucci, presidente del sodalizio –. Un atto di vandalismo che purtroppo colpisce duramente le nostre attività che avevano faticosamente ripreso». Il grave episodio, viene evidenziato, è stato comunicato al Comune, che procederà alla denuncia alle autorità competenti e provvederà sia alla pulizia straordinaria che al ripristino degli estintori. A scoprirlo, uno degli allenatori quando ha raggiunto la palestra per far svolgere l’allenamento e si è trovato di fronte lo scempio. «Ho parlato con l’assessore, c’è la volontà di andare a sistemare al più presto la palestra – aggiunge il presidente Santucci -. Dispiace soprattutto per i ragazzi che dopo tre mesi di blocco erano stati ben contenti di ricominciare, di ritrovarsi, naturalmente nel rispetto delle direttive per la sicurezza. Per fare questo ci eravamo impegnati a fondo per riprendere l’attività, ora bruscamente interrotta, speriamo per poco. Non appena sarà possibile accedere ai locali dopo l’intervento di ripulitura provvederemo a una nuova sanificazione per poter ripartire immediatamente con gli allenamenti». L’Assisi Volley conta su 75 tesserati, con un’attività che va dal minivolley alla squadra che milita in prima divisione. Dopo l’emergenza Coronavirus i dirigenti della società avevano deciso, dal 10 di giugno, di riprendere in maniera graduale le attività delle diverse formazioni, nel rispetto delle regole della sicurezza. Una ripartenza frenata da un atto di vandalismo da parte di chi, evidentemente, non ha di meglio da fare. Un episodio ai danni della società di pallavolo peraltro non nuovo. «In passato c’erano stati altri due fatti analoghi, sempre con lo svuotamento degli estintori – rileva Antonello Piampiano, che dell’Assisi Volley è stato presidente per sette anni, sino allo scorso anno –. In quelle due circostanze avevamo chiesto l’intervento delle forze dell’ordine che, con controlli mirati, avevano tenuto lontani i malintenzionati, i vandali, in una zona che rischia di diventare terra di nessuno, soprattutto nelle ore serali e che invece va salvaguardata».