Questura di Perugia dispone chiusura di uno dei più frequentati locali della città per "mancato contenimento"!

23.05.2020 12:31 di Antonello Menconi   Vedi letture
Questura di Perugia dispone chiusura di uno dei più frequentati locali della città per "mancato contenimento"!

Primo provvedimento a Perugia per “il mancato rispetto delle misure di contenimento”, di fatto per quello che viene chiamato assembramento, con la Questura che ha deciso la chiusura di un locale pubblico per cinque giorni. Si tratta del "Dadando" di Castel del Piano, frequentatissimo bar e ristorante aperto per 24 ore lungo la strada principale della Pievaiola, dove tra l'altro gli animi dei presenti si sono accesi, tanto da richiedere appunto l'intervento delle forze dell'ordine per sedare una rissa. "Abbiamo adottato tutte le misure di prevenzione richieste! Abbiamo provato in tutti i modi - si sono difesi i titolari del locale - a spiegare che noi ci alziamo la mattina per fare i baristi e non i vigilanti! Si sperava che questo periodo difficile potesse cambiare le persone, invece l’inciviltà continuerà a vivere dentro alcuni individui! Ci vediamo fra 5 giorni". Di fatto, l’art. 4, comma 1, D. L. n. 19/2020 introduce un illecito amministrativo ‘punitivo’ per “il mancato rispetto delle misure di contenimento” (il cui elenco si rinviene nello stesso testo), con sanzione da 400 a 3000 euro, oltre alla eventuale chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni. Le sanzioni sono aumentate per coloro che reiterino le violazioni (il che appare tuttavia di difficile accertamento nell’immediatezza della contestazione) o nell’ipotesi di “utilizzo di un veicolo”.