E' il giorno di Perugia-Crotone: anche il Grifo spinto stasera dal sogno di un posto al sole

26.06.2020 07:48 di Antonello Menconi   Vedi letture
E' il giorno di Perugia-Crotone: anche il Grifo spinto stasera dal sogno di un posto al sole

Se la vittoria con l'Ascoli ha rappresentato per il Perugia il crocevia per quest'ultima fase del campionato, permettendo ora di guardare all'alta classifica e scongiurando eventuali coinvolgimenti nella bagarre per evitare i playout, la sfida con il Crotone è probabilmente il banco di prova più importante per la squadra di Serse Cosmi. Fare risultato pieno contro i calabresi significherebbe ritrovare lo slancio verso la lotta per i playoff. C'è tuttavia la consapevolezza che si tratta di un impegno quanto mai insidioso, considerando che la discontinuità di risultati è stata la caratteristica principale di questa squadra, sia con la gestione di Massimo Oddo ed ora con Cosmi. Il Perugia è tuttavia diventato quanto mai efficace e concreto, come lo conferma il fatto che con due sole reti sono state portati a casa sei punti nelle ultime due gare disputate, compresa quella prima dello stop contro la Salernitana. Il gol di Mazzocchi con i campani e quello di Nicolussi Caviglia sul campo dell’Ascoli sono stati capitalizzati come meglio non si sarebbe potuto fare, riuscendoci grazie ad una fase difensiva che funziona al meglio e che rappresentata il valore aggiunto della squadra, in attesa che si riesca a spingere di più sull’acceleratore in zona-gol, acquisendo maggior incisività. L'imbattibilità della difesa è comunque una novità in casa Perugia, visto che per ritrovare due gare consecutive senza subire gol bisogna fare un balzo indietro nel tempo e tornare alla seconda e terza giornata di campionato, in occasione del successo in trasferta sul campo del Livorno e poi in casa con la Juve Stabia, due partite che però avevano portato nelle casse del Grifo di Oddo solo quattro punti, considerando che contro i campani i biancorossi non erano andati oltre lo 0-0. Contro il Crotone non mancheranno novità nella formazione biancorossa, anche se l'intenzione di Cosmi è di dare ampio spazio all'undici che ha sbancato Ascoli domenica sera. Torneranno a disposizione Rajkovic dopo l'acciacco muscolare della scorsa settimana, oltre a Greco e al terzo portiere Albertoni che hanno scontato la squalifica, mentre mancherà Gyomber, alle prese pure lui con un fastidio muscolare. A lui sarebbe toccata una maglia da titolare, nel pieno di questo tour de force che impone la Serie B. La novità davanti al portiere Fulignati potrebbe essere rappresentata quindi proprio da Rajkovic, con la conferma di Rosi a destra ed uno tra Angella e Sgarbi, mentre a centrocampo si va verso la riconferma dello stesso Nicolussi Caviglia e Falzerano ai lati di Carraro, a cui spetteranno i compiti da regista. Anche se Kouan e Dragomir si candidano per una maglia da titolari. Sugli esterni toccherà a Mazzocchi a destra e Di Chiara a sinistra. In avanti è previsto il ritorno dall'inizio del capocannoniere Iemmello, probabilmente affiancato da Melchiorri, andando quindi ad avvicendare sia Falcinelli e Buonaiuto, titolari ad Ascoli. Il Perugia è reduce da dieci gare senza pareggi, se è vero che nel girone di ritorno, dall’arrivo sulla panchina di Cosmi, non ha mai pareggiato. Sei sono state le sconfitte e quattro le vittorie. Il bottino è stato di dodici punti in dieci gare, dal giro di boa del campionato, deludendo in parte le attese della piazza che comunque continua a sognare e pensare in grande.