"La Serie A? Obiettivo francamente impossibile da raggiungere con questa squadra"

02.10.2022 07:30 di Redazione Perugia24.net   vedi letture
"La Serie A? Obiettivo francamente impossibile da raggiungere con questa squadra"

L'opinione di Stefano De Francesco dopo la gara Perugia-Pisa. “Le illusioni sono simili ai fuochi d'artificio: illuminano il nostro cielo con un'esplosione di colori per poi dissolversi e lasciarci nel buio.” (E.Breda)

Abbiamo vissuto due settimane di proclami. L’allenatore Baldini (voto 5) appena arrivato ci ha parlato di Serie A, di obiettivi francamente impossibili da raggiungere con questa squadra. Il presidente Santopadre (voto 0) ha provato a fare l’incantatore di serpenti, cianciando di propositi ritrovati, di strade da percorrere di nuovo, di unità di intenti, insomma di tutto quello che non è stato e continua a a non essere. L’allenatore lo perdono dato che è arrivato ora, il Presidente no.

La formazione è quella che molti credono sia la migliore. Il solito mediocre Gori (voto 5,5) tra i pali. Casasola (voto 5,5) ed un nervoso Lisi (voto 5) sulle fasce, i tre centrali con un incerto Sgarbi (voto 5), un insufficiente Angella (voto 5) e con un Dell’Orco (voto 5) che si fa trascinare anche lui dalla mediocrità dei compagni. I centrocampisti Kouan (voto 5) e Luperini (voto 5) sono semplicemente impalpabili. Bartolomei ( voto 6) parte come gli altri ma cresce nella ripresa. In avanti un volenteroso Strizzolo (voto 6) è affiancato da un opaco Di Carmine (voto 5) che da un unico segno di vita in occasione della rete.

Alla fine del primo tempo escono Kouan per un Santoro (voto 5) in versione turista per caso e Casasola per un confusionario ma voglioso Paz (voto 5,5). Dopo un’ora entra Olivieri (voto 5) in formato fantasma. Nel tentativo di risvegliare un attacco totalmente evanescente, Baldini mette dentro anche Di Serio (voto 5) a venti minuti dalla fine. La rete di Di Carmine sembra dare ragione alla scelta del tecnico ma dopo una manciata di minuti, lo stesso attaccante del Perugia commette un fallo di mano in area, punito dall’arbitro con un calcio di rigore. Gliozzi trasforma è da ai nerazzurri la vittoria, condannando il Perugia all’ennesima sconfitta casalinga della gestione Santopadre ( mi correggo voto -1). La terza rete serve solo a rendere più amara la disfatta dei Grifoni.

Resta da capire perché Melchiorri, il migliore attaccante del Perugia in assoluto ed il migliore in questo avvio di stagione non sia minimamente preso in considerazione. La mia idea perché accada c’è l’ho e penso che ce l’abbiano anche molti di voi.

Alla fine quindi, ancora una partita da dimenticare. Più che proferire parole vuote e lanciarsi in illusori obiettivi, cercherei di riflettere sul valore della squadra e sulle possibilità di salvarci.

Siamo penultimi e il nostro presidente è il responsabile numero 1!!! Basta per favore!!!

Bastaaaaa!!!

OSTINATAMENTE A.C.PERUGIA