La Don Bosco Perugia ora punta anche sul basket in aggiunta al calcio

12.08.2020 14:24 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
La Don Bosco Perugia ora punta anche sul basket in aggiunta al calcio

Una nuova, importante, realtà nel panorama cestistico umbro. Dalla collaborazione della neonata

College Umbria (associazione dedita, tramite un team di professionisti, alla massima diffusione

dell’alfabetizzazione motoria e sviluppo della pratica sportiva di qualità, dalle scuole alle

associazioni del territorio), e la PGS Don Bosco, storica realtà cittadina radicata nella scuola calcio,

(ri)nasce il progetto Don Bosco Basket.

Un ritorno al passato infatti per la polisportiva PGS Don Bosco (è stata la prima squadra umbra a

partecipare al campionato di Serie A1 di basket femminile negli anni ‘70), che nella splendida

cornice del palazzetto di via San Prospero torna a far rimbalzare la palla a spicchi affidandosi a due

Istruttori/Educatori del calibro di Marco Martina e Alessandro Monti (fondatori di College

Umbria)

“Siamo veramente orgogliosi di inserire nel nostro staff due professionisti veri come Marco ed

Alessandro”-afferma il Presidente della PGS Lanfranco Papa- “ Ne abbiamo intuito le

potenzialità, in linea con i nostri standard, già dai primi colloqui. Ne abbiamo poi concretamente

saggiato le competenze nel camp svolto qui da noi (il BE YOU BASKETBALL CAMP), che ha

avuto feedback entusiasti da parte dei ragazzi e dei loro genitori. Non abbiamo dubbi sulla portata

educativa del loro lavoro e ne condividiamo in pieno i principi formativi, prima ancora che tecnici.

Siamo convinti di costruire, in breve tempo, una scuola Basket che sia un punto di riferimento per

le Famiglie e i giovani della nostra città”.

Marco Martina, neo responsabile settore basket Don Bosco:

“Siamo contentissimi di poter lavorare in un ambiente, quello salesiano, che condivide con noi di

College Umbria i pilastri fondamentali del nostro fare sport: GOOD PLACES; GOOD

PROGRAMS; GOOD PEOPLE. Fin da subito è scoccata la scintilla, sia con il Presidente che con

tutto lo Staff organizzativo della PGS Don Bosco. Un grazie particolare a Dario, Michela e

Daniele, persone eccezionali con le quali sembra di lavorare da anni. Gli impianti della PGS

dimostrano quanto sia importante per l’organizzazione Don Bosco investire sulle strutture come

volano per una proposta formativa di qualità. Non vediamo l’ora di iniziare i nostri corsi di

Minibasket e Basket a settembre!”. Parlaci dei programmi quindi. Cosa trova una famiglia che decide di iscrivere il figlio/a alla

Don Bosco Basket?

“Intanto un approccio olistico, e non prematuramente specialistico, alla pratica della

pallacanestro. Con Alessandro (Monti, apprezzato istruttore minibasket e Preparatore Fisico

Nazionale) condividiamo l’idea di educare attraverso lo Sport. Troppo spesso si abusa di questo

valore, lo si sbandiera come principio, ma nella pratica invece viene spesso disatteso, anche in

buona fede. Chi sceglie di frequentare i corsi di Minibasket (5-12 anni) e Basket (13+) alla Don

Bosco, decide di vivere un esperienza integrata dove oltre gli aspetti motori e tecnici, vengono

messi in primo piano gli aspetti cognitivi e relazionali. Sceglie la qualità delle proposte, messe a

punto da professionisti del settore frutto di programmazione e competenza: non si può essere un

buon Insegnante, se non si ricerca e sperimenta costantemente. Trova un luogo, non soltanto uno

spazio, dove vivono la gioia e l’armonia del fare Basket come divertimento, ricerca di benessere e

socialità, veicolo di crescita e inclusione”.

Perché scegliere la Don Bosco Basket? “Perché si crede davvero, oltre la spicciola retorica, nei programmi sportivi di qualità, dove si

mette al centro la costruzione del futuro cittadino prima ancora del giocatore di basket. Perché

trova un ambiente dinamico che programma il futuro. Nel Minibasket, offriremo già da subito il

terzo allenamento settimanale con la presenza simultanea in campo di un Istruttore Nazionale e un

Preparatore Fisico Nazionale grazie ad un investimento economico importante da parte della

società. Ecco, credo questi siano i motivi principali. I feedback di chi ha provato questi metodi

professionali già dalle primissime fasce di età sono lì a testimoniarlo”.

Non resta quindi che aspettare la nuova stagione, particolare per gli effetti del Covid-19...

“Certamente sarà una stagione particolare. Seguiremo molto attentamente l’evolversi della

situazione, ben consci della fortuna di avere un impianto di proprietà su cui fare affidamento,

seguendo tutte le disposizioni della Federazione. Per contro, l’esperienza del Camp estivo nel mese

di Luglio ci testimonia il bisogno di tornare a praticare uno sport bellissimo come il basket di tanti

ragazzi e ragazze. Siamo vigili, ma ottimisti”. Per info e prenotazione prova gratuita tel 3471262571