Il gennaio del Perugia sarà di fuoco: si decide il destino nella corsa alla Serie B

12.01.2021 16:00 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Il gennaio del Perugia sarà di fuoco: si decide il destino nella corsa alla Serie B

Tre punti conquistati con il Ravenna, tre con il Matelica, sei reti realizzate, due subite. Scrive La Nazione che il Perugia ha aperto il nuovo anno come lo aveva chiuso. I numeri dicono che i gol non sono più un problema, che Minesso è un nuovo acquisto, che la difesa resiste, visto che uno dei due gol subiti è arrivato solo su punizione, nonostante il cambio di modulo. La distanza dalla vetta della classifica resta quella del 2020, tre punti, ma il Sudtirol adesso è distante una lunghezza, il Cesena è dietro, il Padova non si sa, visto che ha «saltato» la prima gara del nuovo anno in agenda in casa con il Carpi, ancora alle prese con l’emergenza-Covid. E adesso? Un occhio al calendario e la sensazione che c’è un’occasione da non fallire: il mese di gennaio mette i biancorossi di fronte a sfide sulla carta abbordabili che dovranno portare nelle casse del Perugia il pieno di punti. Dopo aver superato l’ostacolo Matelica, che in casa ha fatto penare tutte le big, il Grifo di Fabio Caserta domenica se la vedrà con la Feralpisalò (sulla carta la sfida più ostica), poi dovrà far visita al Fano, oggi terzultimo in classifica, e a fine mese riceverà al Curi l’Arezzo di Camplone che chiude la classifica del girone B. La Feralpisalò ha disputato sette gare fuori casa, lo score parla di un successo alla quarta giornata sul campo del Cesena, quattro pareggi e due sconfitte. Le cadute sono arrivate sul campo del Matelica e in casa della Virtus Verona. Pareggi invece a Modena, Legnago, Gubbio e Fano. Nell’ultimo turno è arrivata la sconfitta interna contro la Sambenedettese. La trasferta di Fano. La formazione marchigiana ha perso in casa ben cinque volte su nove partite, un solo successo con il Legnano e la curiosità di tre pareggi conquistati contro le big, il Padova, il Sudtirol e per chiudere la Feralpisalò. Poi il match con l’Arezzo ad oggi fanalino di coda del girone. Un bel filotto consentirebbe alla squadra di Caserta di rosicchiare punti e magari ritrovare la vetta della classifica.