"Il Perugia non meritava di retrocedere lo scorso anni dalla B e in questi mesi mi sono tappato le orecchie"

10.05.2021 08:20 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
"Il Perugia non meritava di retrocedere lo scorso anni dalla B e in questi mesi mi sono tappato le orecchie"

Massimiliano Santopadre sorride. «Quando si vince le emozioni sono sempre intense. Non è forse il successo più bello ma di certo è il più importante dopo i disastri che ho fatto la scorsa stagione. Ci teniamo a questo trofeo e ci teniamo al derby con la Ternana. Sarà una bellissima partita e un antipasto di ciò che ci aspetta in campionato. L’importante sarà difendere la categoria, la retrocessione ci ha insegnato una cosa: la Serie B è un valore grandissimo e va difesa con le unghie, poi alla squadra penseranno i direttori, ma serve mantenere la categoria. Non c’è grande gioia senza sofferenza. Mi sono tappato le orecchie e ho cercato di lavorare a testa bassa per trasmettere serenità a dirigenti, allenatore e ai tanti ragazzi nuovi. Penso che tutti abbiamo meritato questa soddisfazione insieme a tifosi e città. Il Perugia non meritava la retrocessione lo scorso anno, ben venga il mio terzo campionato vinto. Qualcuno dice che sono il re della C e ne sono fiero perché nella vita è importante vincere. L’anno prossimo difenderemo la B con le unghie e con i denti». Infine un pensiero ai tifosi e la mano tesa alla curva Nord. «Non c’è mai cattiveria in una contestazione ma tanto dolore perché per i tifosi la squadra di calcio è uno dei beni più importanti della vita. Il tempo sistema tante cose, credo vada tutto dimenticato e per ripartire insieme».