Un libro che ci emozionerà: quello che il marito Fabrizio e la figlia Federica hanno scritto per Silvana Benigno, la "Mamma coraggio"

31.05.2020 12:02 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Fonte: Antonello Menconi
Un libro che ci emozionerà: quello che il marito Fabrizio e la figlia Federica hanno scritto per Silvana Benigno, la "Mamma coraggio"

Sarà impossibile non emozionarsi. Anzi, è già così. Con l’omaggio alla straordinaria figura di donna rappresentata da Silvana Benigno che è ora in un libro che il marito Fabrizio Paladino le ha dedicato con l’affetto, il coinvolgimento, la devozione di un uomo per la sua compagna di vita. Ma non solo: “Il tuo sorriso ribelle” è anche un gesto bellissimo di valorizzazione della memoria, intesa non come pur legittima nostalgia ma quale atto di condivisone degli ideali di generosità e dei valori di solidarietà incarnati da Silvana nella sua pervicace lotta contro il cancro e soprattutto di continuità; Fabrizio e la figlia Federica continueranno infatti nel nome e nel ricordo di Silvana a promuovere iniziative a favore della ricerca della Fondazione Ieo-Ccm, cui andrà l’intero ricavato dalla vendita del libro, ufficialmente presentato nel corso della conferenza stampa tenutasi sotto il porticato di Palazzo Vitelli a Sant’Egidio alla presenza di numerose autorità civili del territorio. Il sorriso come stile di vita, inteso quale “prima cura” nei confronti degli altri, il sorriso di Silvana divenuto icona comunicativa insieme a quella sua coraggiosa “testa rasata”, il sorriso che svela la gentilezza del cuore (“massima saggezza” secondo Rousseau) è stato ricordato da Massimo Zangarelli nel suo intervento introduttivo che ha sottolineato la straordinaria forza d’animo, la contagiosa energia, la fede autentica, l’afflato etico, la speciale tenacia tutta femminile di Silvana. “Questo riconoscimento premia tutti coloro che non si arrendono e che fino all’ultimo combattono una battaglia che solo sostenendo la ricerca si potrà vincere”: è la frase di Silvana quando ha ricevuto il cavalierato e costituisce lo sprone più intenso a proseguire nel solco dell’instancabile “ribellione al male” di “mamma coraggio”. La sua eredità morale non andrà perduta, indicherà a tutti la via affinché la voglia di vita prevalga sulla paura della morte. Ecco le parole di Fabrizio durante il suo intervento: “Il racconto del mio libro in tempo di quarantena: un progetto che doveva nascere più avanti ma l’impossibilità attuale, da marzo in pratica, di organizzare iniziative nel ricordo di Silvana mi ha portato ad affrontare questa grande fatica che, in realtà, fatica non è stata. Forse è stata una sofferenza, quella si, ripercorrere soprattutto la fase della malattia. Di fatto il libro ha una parte iniziale abbastanza ridotta dal nostro primo incontro, giugno 1998, fino all’ottobre 2015 quando mia moglie conosce la malattia. Poi è il racconto, anzi, è un diario con vari capitoli e tante immagini che fermano i vari momenti delle varie tappe affrontate insieme nel tentativo di sconfiggere il cancro. Abbiamo parlato di noi, però, di fatto, io parlo sempre di lei: Jack nella prefazione ringrazia Silvana, e dice: ‘Grazie Silvana per aver scritto queste pagine, attraverso la mano di chi ti vuole bene, tenendo la testa alta e condividendo generosamente la tua enorme solidarietà’. Tutto vero. Perché, infatti, insieme abbiamo condiviso la sua generosità che è poi diventata solidarietà nella ricerca contro il cancro tramite la Fondazione Ieo-Ccm di Milano. In questo libro non parlo di morte, ma descrivo la vita, purtroppo breve, di una grande donna, oltre che di una figlia, di una moglie, di una mamma, di una sorella, di un’amica davvero unica. Penso, anzi, spero di aver ricordato tutti i nostri momenti, i suoi momenti, trascorsi insieme, con vari capitoli e con foto che hanno tutte un significato particolare. Un racconto che descrive, soprattutto nella sua parte finale, una mia corsa contro il tempo per mantenere fino all’ultimo vivo il suo sorriso. L’intero ricavato di questo libro andrà a sostenere la ricerca della Fondazione Ieo-Ccm. E poi un merito particolare va a Federica che ha curato personalmente con le sue idee e con la sua abilità creativa la copertina del libro, fornendo pure ulteriori suggerimenti anche per quanto riguarda la parte cruciale del volume”. Fabrizio ha concluso invitando a chi avrà preso il libro di postare su Facebook o Instagram la sua foto con l’hastag ILTUOSORRISORIBELLE. “Poi sempre tramite i social insieme a Federica renderemo noti tempi e modi relativi alla distribuzione del libro: noi siamo disposti anche a portarlo a casa o, comunque, inviarlo in ogni parte d’Italia. Vogliamo che il sorriso di Silvana possa portare serenità all’interno di ogni famiglia”.