Tra poco in campo all'antistadio del Curi la Primavera di calcio femminile del Perugia

21.02.2021 10:29 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Tra poco in campo all'antistadio del Curi la Primavera di calcio femminile del Perugia

Si disputa oggi, alle ore 12 presso l’Antistadio “Renato Curi” il recupero della 4^ giornata di campionato Primavera AC Perugia Calcio-Pink Sport Time Bari.

Le giovanissime biancorosse del tecnico Francesco Micheli, ferme da domenica 11 ottobre 2020 a causa dello stop al campionato disposto dalla FIGC, avevano riportato a casa un’importante vittoria per 3-2 contro la Roma CF nell’ultima partita che aveva visto però anche l’infortunio del capitano Erin Cesarini.

Pronta a scendere nuovamente in campo, l’attaccante classe 2005, racconta le attese e le aspettative delle grifoncelle: “Il nostro obiettivo è sempre lo stesso e cioè dare il massimo ogni allenamento e ogni domenica per riportare ottime prestazioni e toglierci insieme qualche soddisfazione. Sicuramente la situazione che stiamo vivendo è molto delicata per tutti. A causa della pandemia la primavera è stata ferma per diversi mesi e adesso, sempre per questi motivi, non tutte abbiamo potuto allenarci insieme. Non è facile ritrovare la condizione ideale in poco tempo, ma in ogni caso siamo molto contente di poter ricominciare e non vediamo l’ora di scendere in campo”.

La giovanissima atleta si è poi soffermata sulla gara di domenica: “La Pink Bari è senza dubbio una squadra ben organizzata, come del resto tutte in questo campionato, ma noi non siamo da meno e cercheremo di dimostrarlo conquistando i 3 punti”. 

Dopo l’infortunio che l’ha tenuta lontano dal pallone, Erin ha ringraziato lo staff medico che l’ha assistita dopo lo spiacevole episodio:  “Non vedevo l’ora di ricominciare, è stato bellissimo poter ritoccare il pallone e rigiocare con le mie compagne dopo uno stop abbastanza lungo. È stato sicuramente un ulteriore ostacolo in una situazione già difficile, come sappiamo tutti purtroppo, ma fortunatamente ho recuperato molto bene e per questo ringrazio anche i fisioterapisti che mi hanno seguito dal primo giorno”.