Per 20 anni non è stato possibile andare con il battello da Castiglione del Lago all'Isola Polvese! Ora si potrà

20.07.2019 17:28 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Per 20 anni non è stato possibile andare con il battello da Castiglione del Lago all'Isola Polvese! Ora si potrà

Inaugurato oggi il collegamento diretto tra Castiglione del Lago e Isola Polvese, isola che fa parte del territorio comunale castiglionese: una tratta che si è fatta attendere da circa 20 anni e che era richiesta a gran voce da cittadini, turisti e operatori economici. «Finalmente torniamo alla Polvese - ha affermato con soddisfazione il sindaco Matteo Burico - e ce l’abbiamo fatta grazie alla rapida azione di questa nuova Giunta e all’efficace impegno dell’assessore ai trasporti Fabio Duca che ha coordinato il tavolo di concertazione con il Presidente della Provincia Luciano Bacchetta e con i dirigenti di Busitalia Velio Del Bolgia e Gianni Sciurpi. In questa bellissima giornata è corretto e giusto spiegare il perché in questi ultimi anni le richieste della precedente Amministrazione e dell’Unione dei Comuni son sempre andate nel vuoto. Il collegamento oggi esiste perché abbiamo presentato un progetto turistico-strategico valido, non solo per il Trasimeno ma anche per la vicina Toscana. Questo spiega anche la presenza oggi del sindaco di Chiusi Juri Bettollini con cui continua la proficua collaborazione per trasformare una terra di confine in una terra di opportunità».
Da oggi si parte con due giorni a settimana: il giovedì e il sabato con 4 corse di andata e altrettante di ritorno e per ora fino a settembre, una soluzione che ha trovato anche il pieno appoggio di Umbrò che gestisce le rinnovate strutture ricettive e di ristorazione della Polvese. Per la “Crociera del Trasimeno” andata da Castiglione alle 9:20, 11:35, 15:10 e 17:45; ritorno dalla Polvese alle 10:25, 12:40, 16:40 e 18:50.
«Un’inaugurazione davvero storica - ha dichiarato il sindaco di Chiusi Juri Bettollini -. Un’opportunità vera per tutto il territorio per tornare a scoprire la bellezza delle nostre terre ed anche il primo grande risultato concreto dell’Amministrazione di Matteo Burico che, a 30 giorni dalla sua elezione, segna il passo verso un futuro ricco di opportunità e collaborazioni anche con la Toscana e soprattutto con Chiusi. Bello davvero!».
Ha partecipato alla cerimonia il Presidente della Provincia di Perugia Luciano Bacchetta: «Il ripristino di questo importante e strategico collegamento via acqua tra Castiglione del Lago e la Polvese si va ad aggiungere ad un articolato e imponente sforzo di rilancio e valorizzazione della più grande delle isole del Trasimeno che negli ultimi anni si sta compiendo a più voci. Grazie ad un lavoro sinergico tra Enti pubblici e soggetti gestori si è giunti ad un risultato che rappresenta una sorta di atto dovuto verso un territorio e il suo indotto che da oltre due decenni attendevano questo momento. Per Isola Povese, di proprietà dell’Amministrazione provinciale di Perugia, è in atto un processo di recupero e riqualificazione sotto molteplici profili. Con l’introduzione di questo nuovo servizio, seppur in via sperimentale, contiamo di implementare la sua fruizione, così come merita un’area naturalistica tanto pregiata e un territorio a prevalente vocazione turistica quale è il Trasimeno. Auspichiamo che ci sia uno sforzo corale affinché il servizio oggi inaugurato possa essere confermato e consolidato dai numeri dell’utenza. Questo può essere possibile solo grazie ad un’attenzione costante da parte dei soggetti proposti, indirizzata verso una sua adeguata promozione e valorizzazione».
«Da oggi dobbiamo lavorare per promuovere e valorizzare la Polvese - ha sottolineato Burico – che rivendichiamo come nostra tredicesima frazione: un posto straordinario che, grazie anche all’investimento privato, sta tornando a nuova vita. Metteremo a breve il cartello “Castiglione del Lago” proprio al pontile di attracco del traghetto. Ora è il momento del fare, anche in un periodo di difficoltà e di bilanci che inchiodano le amministrazioni. Ora basta al “libro dei sogni”: investiamo quello che possiamo sul turismo, sul lago e sulla cultura che sono, e dovranno essere sempre di più, le nostre prime “industrie”. Tornando alla giornata odierna questo era un impegno che ci eravamo assunti durante la campagna elettorale, messo nero su bianco nel nostro programma. Senza paura di essere smentito affermo che se per tante cose dobbiamo ringraziare non è certamente per questo collegamento, che è il risultato degli sforzi di questa Giunta comunale».