"Occhio al Fano, ma ora bisogna ripartire da zero e la nostra è una squadra matura"

23.01.2021 12:43 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
"Occhio al Fano, ma ora bisogna ripartire da zero e la nostra è una squadra matura"

Le parole di Fabio Caserta nella conferenza stampa alla vigilia della gara Fano-Perugia raccolte da Umbriaradio, emottente ufficiale del Perugia calcio.   “Moscati ha avuto un problemino l’altro ieri – esordisce il tecnico -, abbiamo qualche acciacco ma penso che ci saranno tutti . Il bilancio è sicuramente positivo anche se l’inizio è stato difficile. Adesso però bisogna ripartire da zero. Il girone di ritorno è un altro campionato dove i punti sono fondamentali. Nelle ultime partite il Fano ha fatto buoni risultati, stanno bene e sicuramente vorranno dare il massimo contro di noi. Dobbiamo avere un approccio giusto perché queste sono le partite più insidiose. Quando giochi con le dirette concorrenti è più facile trovare gli stimoli. Sapevamo già dall’inizio che ci sarebbe stato da battagliare con altre 4-5 squadre per giocarsi la vittoria. Non mi aspettavo un girone così difficile e un livello più alto del girone C. A questo punto penso che questo gruppo di squadre arriverà fino alla fine senza che qualcuno perda terreno. Vano non ha ancora i 90 minuti. Dobbiamo dargli il tempo di ambientarsi e di assorbire i carichi di lavoro. Burrai sta recuperando dall’infortunio e vedo una grande crescita. E’ un giocatore importantissimo che cambia gli equilibri. E’ normale che gli avversari provino a controllarlo. Cancellotti non ha trovato molto spazio anche perché il 3-5-2 non lo agevolava. Lui come Favalli, che ha giocato anche di più, sono comunque giocatori affidabilissimi che ci daranno sicuramente una mano anche perché giocheremo anche ogni 3 giorni. Mercato? Mi aspetto di lavorare e basta. Sono stato calciatore e so che in questa ultima settimana i giocatori ci pensano. Ho visto una squadra matura da questo punto di vista ma è normale che il pensiero per qualcuno ci sia. Per gli allenatori è una settimana difficile. I ragazzi sanno che voglio concentrazione massima quando si viene al campo e ci si allena, ma soprattutto penso che essere nel Perugia deve essere un vanto e un orgoglio per tutti”.