"Lo stop della pallavolo ci porterà un danno di 500mila euro": tempi duri anche per la ricchissima Sir Safety Conad Perugia

03.04.2020 13:10 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Fonte: Antonello Menconi
"Lo stop della pallavolo ci porterà un danno di 500mila euro": tempi duri anche per la ricchissima Sir Safety Conad Perugia

Un portale tedesco ha preso in esame la situazione del Covid in Italia con un focus sul volley, stimando le perdite delle squadre, partendo proprio dal calo delle entrate da marzo e fino al termine della stagione. E in vetta a questa graduatoria c’è proprio la Sir Safey Conad Perugia, le cui perdite sono stimate in 167.718 euro, poi la Leo Shoes Modena (165mila) e la Cucine Lube Civitanova con 164mila euro. Insomma i tre top club sono quelli che ci rimetterebbero di più, con il totale che sfiora però i 900mila euro. «Purtroppo ho la sensazione che la stima sia in difetto – spiega il presidente della Sir, Gino Sirci – quel calcolo infatti sembra rilevi soltanto i mancati incassi delle partite, ma ci sono altri elementi di cui tener conto. A cominciare dal merchandising che nella seconda parte di stagione sarebbe stato intorno ai 50mila euro per noi. Poi però ci sono anche i mancati introiti della Champion’s, ovvero un’altra partita significativa di cui capisco che al momento non è facile fare stime. Dico soltanto che lo scorso anno la squadra vincitrice è stata premiata con 400mila euro, la seconda ha ottenuto un premio di 250mila e la terza e la quarta benefici tra 100 e 150mila euro. Considerando poi la fase finale dei play off, mi sento di dire che le perdite per noi ammonterebbero tra i 4 e i 500mila euro se l’attività non dovesse riprendere.Ritengo e spero soprattutto che si possa riprendere da metà maggio e concludere entro la fine di giugno. Oppure congelare la classifica e giocare i play off anche a porte chiuse, perché ciò consentirebbe da un lato di far tornare un po’ di normalità nelle nostre case, dall’altro di mantenere in vita le sponsorizzazioni. Il taglio degli stipendi ai giocatori sarà limitato, ma anche su questo non credo ci saranno problemi a trovare un accordo».