A Perugia Omphalos continua a crescere: l'associazione ha pure squadre di volley, nuoto e calcio a cinque

23.09.2021 11:30 di Redazione Perugia24.net   vedi letture
A Perugia Omphalos continua a crescere: l'associazione ha pure squadre di volley, nuoto e calcio a cinque

Si è svolto nel fine settimana presso la sede di via della Pallotta 42 l’Open Day di Omphalos LGBTI, l’associazione lesbica, gay, bisessuale, trans* e intersex dell’Umbria, che da quasi un trentennio si occupa di diritti e tutela per le persone omosessuali e transessuali della regione. Tante le persone che vi hanno partecipato per scoprire le attività e gli eventi dell’associazione che nel mese di settembre riprendono per il nuovo anno sociale.

«C’è una gran voglia di ripartire e di tornare a fare attività e socializzare – commenta Stefano Bucaioni, presidente dell'associazione – questo lungo periodo di restrizioni ha rallentato o fermato molte delle attività dell'associazione, ma la grande affluenza in questi primi eventi e riunioni dopo l'estate dimostra che le persone vogliono tornare a socializzare e fare attivismo e volontariato. Ci aspetta un anno molto impegnativo, abbiamo allargato la nostra presenza con un gruppo territoriale nella città di Foligno e continueremo ad essere impegnati nel sostegno al DDL Zan con campagne ed eventi.»

L'associazione offre gruppi di auto-mutuo-aiuto e socializzazione per giovani, anziani, donne, migranti, oltre a gruppi di lavoro e elaborazione sui temi quali la scuola, la cultura, la salute, l'identità di genere. Nell’ambito culturale e ricreativo l’associazione ha anche un coro e tre squadre sportive (volley, nuoto e calcio a cinque), che hanno ricominciato prove e allenamenti proprio questa settimana, oltre all'appuntamento fisso dedicato al divertimento delle serate BeQueer.

Non si sono mai fermati invece i servizi che l'associazione offre a tutta la comunità regionale, nei quali i diversi professionisti offrono la propria consulenza gratuita in ambito psicologico, legale, sanitario. È attivo un centro d’ascolto e accoglienza, uno sportello legale, uno sportello migranti, uno sportello antiviolenza dedicato alle coppie lesbiche, un centro di documentazione e un checkpoint per il testing rapido dell'HIV.

«Siamo convinti che il 2022 sarà finalmente l'anno in cui potremo tornare tra le strade e nelle piazze – conclude Bucaioni – per questo sta ripartendo anche la macchina organizzativa per programmare gli eventi che erano ormai diventati appuntamenti fissi per la comunità cittadina e regionale, come l'Umbria Pride, i concerti del nostro coro, il torneo internazionale di volley e i festeggiamenti per i 30 anni dell'associazione. Insomma, stiamo tornando!»