"Noi vogliamo chiudere al quinto posto e siamo tutti concentrati per centrare questo risultato"

28.04.2021 07:06 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
"Noi vogliamo chiudere al quinto posto e siamo tutti concentrati per centrare questo risultato"

Vogliamo il quinto posto”. La Feralpisalò ha le idee chiare: se nel prossimo turno di campionato il Perugia, avversario dei Leoni del Garda, si giocherà la promozione diretta in Serie B, anche la squadra di Massimo Pavanel ha un risultato da raggiungere e un traguardo da tagliare. Ne parla a TuttoC il direttore sportivo del club lombardo, Oscar Magoni: “Noi come Feralpisalò, e parlo di tutta la società, dal presidente a tutti i componenti dello staff passando ovviamente per i giocatori, siamo concentrati e vogliamo guadagnarci questo quinto posto. È l’obiettivo fissato dalla società, vogliamo centrarlo e finire un lavoro lungo e sofferto, nel quale abbiamo vissuto dei momenti di dispiacere, ma anche di entusiasmo e di bel calcio. Siamo concentratissimi sull’obiettivo quinto posto, e domenica faremo la miglior partita possibile. Sarà difficile, ma anche stimolante come occasione per mettersi in mostra”.

Di fronte c’è una squadra che si gioca tutta la stagione e anche la prossima.

“Che il Perugia sia forte non devo dirlo io stasera. Però sono concentrato sulla mia squadra: siamo forti anche noi, abbiamo le potenzialità necessarie per raggiungere l’obiettivo e lo dobbiamo centrare. Dobbiamo pensare al nostro profilo, al nostro stile societario, portare in campo la determinazione, la competenza e le qualità che ci hanno portato dove siamo ora”.

Il rocambolesco 3-2 subito all’andata è anche uno stimolo in più.

“A Perugia vinsero con merito, siamo stati ingenui noi. Ma ripeto, oggi conta centrare il nostro obiettivo: abbiamo la possibilità di farlo, gli stimoli li troviamo nel fatto che è un anno che lavoriamo per questo; siamo stati spesso in posizioni alte di classifiche ed è il posto giusto per noi. Siamo concentrati sulla nostra partita, vogliamo fare al massimo il nostro dovere, sono sicuro che tutti daranno il cento per cento”.

Cosa è mancato per chiudere la regular season qualche posizione più in alto?

“Se guardiamo le prime quattro, siamo distanti parecchio. Abbiamo nove punti dal Modena. Faremo queste analisi al termine del percorso playoff: sicuramente la Feralpisalò è una squadra ambiziosa, che voleva essere protagonista con un calcio nuovo. Lo siamo stati, anche valorizzando tanti giovani. Abbiamo fatto un bellissimo percorso: ora ci manca un punto e abbiamo l’opportunità di farlo”.

Siete reduci dallo 0-0 contro la Sambenedettese. Quanto è complicato affrontare una squadra che vive un momento così particolare?

“Non è stato facile, perché abbiamo dovuto fare in modo che la squadra fosse concentrata sulla partita. Anche perché i calciatori della Samb si sono dimostrati grandi professionisti, hanno confermato di avere una grande squadra e un grande staff: è stata una partita gagliarda. Noi ci siamo concentrati sul fatto che loro giocassero senza pensare ai problemi societari e infatti così è stato. Abbiamo fatto il nostro bel punto, guadagnato, ora arriviamo sereni e concentrati per questa ultima partita. È una di quelle gare che in un anno si giocano una, massimo due volte”.

Poi i playoff. Nei tre gironi, chi vede favorita?

“Ci sono tante squadre forti, ma è come fare un Giro d’Italia e pensare che se prendi la maglia rosa a tre giorni dalla fine hai vinto. Una volta conclusa la regular season, vedremo come affrontare i playoff e ci giocheremo le nostre carte. Però ci dobbiamo arrivare bene, fare il massimo nel campionato, dare tutto in quest’ultima partita”.

Anche per i tifosi, ancora lontani.

“È il rammarico più grande: è vero che magari non facciamo grandissimi numeri, ma in casa abbiamo espresso un grande calcio ed è un peccato che non abbiano potuto goderne direttamente. Sappiamo che ci seguono e ci seguiranno a distanza, dalla tv o dai social”.