A Passignano ci si commuove per quelle seggiole che rimangono vuote dopo che "Rino" ci ha lasciato, vittima del coronavirus

19.04.2020 16:59 di Antonello Menconi   Vedi letture
A Passignano ci si commuove per quelle seggiole che rimangono vuote dopo che "Rino" ci ha lasciato, vittima del coronavirus

In questa foto scattata a Passignano ci sono due seggiole vuote. Sono quelle dove Raimondo Libelli, da tutti conosciuto come "Rino", era solito rimanere a parlare con qualsiasi amico passasse davanti a quella abitazione, quando magari non era al bosco. Ora sta suscitando un certo dolore vederle vuote, sapendo che lui non ci si potrà più sedere. La comunità passignanese è ancora sconvolta per il decesso di colui che era una delle memorie viventi della ex Sai. Anche il sindaco Sandro Pasquali lo aveva ricordato amichevolmente con un «Ciao Raimondo, ciao Rino», manifestando così la commozione propria e dell'intera cittadinanza. Nel pomeriggio di ieri la salma è rientrata a Passignano ed è stata tumulata in forma privata come disposizioni ministeriali e sanitarie.