Il Perugia aveva il bomber in casa e non ci ha creduto? Per lui da gennaio cinque gol in cinque partite in Serie C!

11.02.2020 19:44 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Il Perugia aveva il bomber in casa e non ci ha creduto? Per lui da gennaio cinque gol in cinque partite in Serie C!

Un 2020 che per la Giana Erminio si è aperto nel migliore dei modi, con una sola sconfitta patita nel derby lombardo contro il Renate. Tutto ciò grazie anche a Jacopo Manconi: impatto dirompente quello dell'ex Gubbio di proprietà del Perugia, che ora, in cinque gare giocate ha segnato altrettanti gol. Ponderata e lungimirante è stata tuttavia la scelta del Perugia di mandarlo a giocare con continuitá in Serie C. Ma la svolta che a Gorgonzola si attendeva da mesi, per migliorare una classifica che sembrava una condanna è arrivata, e in sei partite sono stati collezionati 13 punti, che, dritti al punto, vogliono dire addio all'ultimo posto. Certo, la classifica è ancora preoccupante, i punti complessivi sono 23 e il terzultimo posto richiede ancora sforzi evidenti da compiere, ma nella testa della squadra qualcosa è cambiato: e l'aspetto morale, non è una frase fatta, conta molto per dare seguito a quanto di buono si fa. Risolutivo, in tutto ciò il mercato. Se negli anni scorsi si era vista una Giana poco o per nulla operativa a gennaio, quest'anno la squadra è stata rivoluzionata, ma già prima di gennaio. Centrocampo interamente rivisto, perché alla rosa si sono aggiunti gli svincolati Tommaso Bellazzini, jolly offensivo, Simone Greselin e Daniele Dalla Bona, graditi ritorni e, soprattutto, uomini spogliatoio, capaci di dare nuovo equilibrio a un gruppo per lo più giovane che aveva peccato di malizia. Poi, a gennaio, altri preziosi arrivi, come Dario Teso in difesa e non solo.