Benevento-Perugia sarà la partita dei tanti ex: non solo Pietro Iemmello...

14.10.2019 09:54 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Benevento-Perugia sarà la partita dei tanti ex: non solo Pietro Iemmello...

Non sarà una gara come le altre. Come scrive Francesca Mencacci su La Nazione, Benevento-Perugia, che riapre il campionato dopo la sosta è big match tra la capolista allenata da Inzaghi e i biancorossi che seguono a un punto guidati da Oddo. Non sarà una partita come le altre per diversi interpreti. Il ritorno più indolore è quello di Cristian Buonaiuto: l’attaccante biancorosso ha vestito la maglia delle Streghe nella passata stagione, 31 le presenze con i giallorossi di Bucchi, una rete e tre assist. Poi il ritorno dal prestito in biancorosso. Discorso differente, invece, per Gianluca Di Chiara. Il terzino non ha conti in sospeso con la tifoseria di casa, ma ha un conto personale. Vuole dimostratre che forse non è stato apprezzato per quello che è il suo reale valore. Il terzino arriva a Benevento a suon di milioni, ben tre, dal Perugia. Le Streghe fanno la serie A, per Di Chiara un avvio da protagonista nonostante la stagione sfortunata della squadra, ma a gennaio viene dirottato in B, al Carpi. Una bocciatura che Di Chiara vive male, tanto che a Carpi non lascerà il segno. Nel campionato scorso la chance di riscatto con Bucchi in panchina: il tecnico lo ha avuto e valorizzato in biancorosso, ma con la maglia del Benevento, nella seconda parte della stagione lo accantona. Il Perugia in estate lo ha preso con la formula del prestito con obbligo di riscatto, quindi di fatto a titolo definitivo. Il ritorno più difficile è quello di Pietro Iemmello, attaccante di proprietà dei campani ma ai ferri corti con i tifosi del Benevento: già, perché i sostenitori delle Streghe lo reputano responsabile di un gestaccio nei loro confronti in Foggia-Benevento, con Iemmello a guidare l’attacco dei pugliesi. Quest’anno, infatti, in occasione della presentazione della squadra giallorossa il calciatore è stato fortemente contestato. Di certo non riceverà una grande accoglienza. Che dire dei giallorossi che vestivano un tempo la maglia del Grifo? Insigne c’è stato una stagione senza aver lasciato tracce indelebili, mentre discorso differente per Massimo Volta, capitano del Grifo che ha chiuso la sua avventura in biancorosso con qualche polemica figlia di una stagione assurda e di uno strascico, i play off, da dimenticare.