Prima il caos, poi la grande festa! Così il Giro podistico dell'Umbria nell'oasi di Pietrafitta

16.04.2018 12:40 di Antonello Menconi  articolo letto 656 volte
Prima il caos, poi la grande festa! Così il Giro podistico dell'Umbria nell'oasi di Pietrafitta

Quello che è accaduto ieri nell'ultima tappa del Giro podistico dell'Umbria è stato quantomeno singolare e anomalo, tanto da ritenere che una situazione del genere non si era mai verificata in precedenza. Ebbene, dopo i primi 2200 metri del percorso di 10 chilometri ricavato a Pietrafitta, la gara è stata interrotta in quanto tutti i podisti in gara non sapevano dove andare! Sì, proprio così. Dietro ad una curva, in prossimità del Museo Paleontologico, i primi del gruppo, senza un “apripista” ad indicare la strada, si sono trovati nell'incertezza di dove proseguire, non trovando un'indicazione. Chi si è fermato, chi ha accennato a tornare indietro, chi chiedeva cosa fosse successo, chi era disperato, chi deluso, chi rideva… insomma, di tutto. Pure chi si è preoccupato ritenendo che ci fosse qualcuno vittima di un malore. Niente di tutto ciò, solo una disfunzione come non dovrebbe mai capitare, ma che purtroppo può invece accadere senza dare colpe specifiche e senza alcuna polemica, sapendo di affidarsi per questi servizi ai volontari, che vanno solo ringraziati. Dopo alcuni minuti di totale incertezza, l'organizzazione guidata da Sauro Mencaroni, il quale era al volante dell'auto in un altro punto, ha deciso di interrompere la gara sino a quel momento e farla riprendere con una partenza collettiva da quel punto, per poi indirizzare il gruppo verso il lago di Pietrafitta, che si è mostrato in tutta la sua particolarità all'interno dell'oasi naturalistica. La scelta optata dallo stesso Mencaroni è stata ovviamente la più corretta, pur riconoscendo l'errore e il disagio arrecato. In gara c' erano 300 gli atleti in gara e tutto sommato, poi la giornata è proseguita al meglio con il pranzo delle premiazioni da parte della Pro Lodo di Pietrafitta per tutti gli atleti. Con loro anche il sindaco di Piegaro Roberto Ferricelli e il vicesindaco Simona Meloni, quest'ultima da sempre particolarmente attenta nella propria attività amministrativa proprio alla valorizzazione del lago e dell'Oasi Naturalistica di Pietrafitta. Alla fine quindi è andato in archivio un altro bel Giro dell'Umbria, che ha fatto divertire tutti i partecipanti.