"Per noi al Curi cinque assenze, ma queste non devono essere un alibi e quindi pensiamo alla gara e a far bene"

08.11.2018 16:00 di Redazione Perugia24.net  articolo letto 524 volte
"Per noi al Curi cinque assenze, ma queste non devono essere un alibi e quindi pensiamo alla gara e a far bene"

Smaltita la delusione per il mancato successo casalingo contro il Carpi, il Crotone è pronto ad affrontare in trasferta il Perugia, gara in programma venerdì 9 novembre alle ore 21;00 allo Stadio “Renato Curi“.

A presentare questa difficile quanto importante sfida è stato in conferenza stampa (come si legge su www.ilrossoblu.it) il tecnico rossoblu Massimo Oddo che in questa gara dovrà fare i conti con diverse assenze.

«Gli errori che questa squadra commette in gara non sono dovuti ad un errore di reparto ma ad un errore di squadra. Gli avversari riescono ad arrivare facilmente in porta ma questo non è da imputare alla difesa ma al centrocampo che non fa da schermo al reparto arretrato. La difesa devo dire che nell’ultima gara contro il Carpi si è comportata bene, ho visto un’ottima partita da parte di tutti questi. Non mi preoccupa la difesa ma semmai mi deve preoccupare il sistema difensivo».

Sul cammino del Crotone ci sarà questa volta il Perugia, squadra reduce da due vittorie con sei reti realizzate e quattro subite.

«Dovremo fare i conti con alcune assenze: mancheranno Benali, Nalini, Martella, Marchizza, tutti per infortunio e Cordaz per squalifica. Queste assenze non mi preoccupano, abbiamo una rosa ampia e chi giocherà non farà sentire l’assenza di chi non potrà farlo. Le assenze non devono essere un alibi ma una chance da sfruttare da parte di chi fino a questo momento ha giocato poco».

Non bada molto ai numeri il tecnico Massimo Oddo che guarda al lavoro svolto più che hai semplici numeri.

«Ogni partita ha una storia a sè, sappiamo perfettamente quello che è successo ma non si sa mai quello che potrà succedere.  Sono una squadra che conosco bene, bisognerà preparare al meglio questa partita, consapevoli di quelli che sono i loro punti di forza e le loro lacune».

Un’assenza che si potrebbe fare sentire è quella di Bruno Martella…

«Oggettivamente non abbiamo un ricambio in quel ruolo, posso dire che sicuramente al suo posto giocherà un destro. Ci sono diverse soluzioni con caratteristiche diverse e vedremo come sopperire al meglio».

L’apporto concesso da Barberis sembra essere più incisivo ai fini del gioco rispetto a quello apportato da Benali per quanto concerne il ruolo di “play” davanti alla difesa.

«Barberis è un calciatore differente rispetto a Benali, con uno sfrutti alcune caratteristiche con l’altro in campo hai altre potenzialità. L’importante è tenere equilibrio in campo, Barberis riesce a dare questa qualità nel gioco di squadra. Non può dipendere però tutto da lui ma anche la squadra deve aiutarlo nello sciolinare il suo gioco».

Il Crotone al di là delle reti subite sembra concretizzare poco in fase offensiva considerata la grande mole di palle gol create.

«Abbiamo giocatori in grado di fare gol, Simy ha dimostrato il suo valore in Serie A così come Budimir un paio di stagioni fà ha dimostrato di sapere fare gol in cadetteria. La gente abituata a fare gol in squadra c’è, questo è un periodo così, penso che potremo solo migliorare. Tutti vogliono concretizzare le occasioni, dobbiamo però migliorare in termini di altruismo e nella qualità dell’ultimo passaggio al compagno davanti alla porta».