Per il Perugia lunedì sarà la prova di maturità: c'è da battere il Cosenza!

06.12.2019 16:35 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Per il Perugia lunedì sarà la prova di maturità: c'è da battere il Cosenza!

Due vittorie in quattro giorni, due successi non scontati che hanno riportato entusiasmo e fiducia. Scrive Francesca Mencacci su La Nazione che la sfida di campionato con il Pescara non era semplice, sulla carta lo era ancora di meno quella di mercoledì sul campo del Sassuolo. Il Grifo con il successo, meritato, al «Mapei Stadium» conquista gli ottavi di Coppa Italia, un traguardo che mancava da quindici anni, dalla stagione 2003-2004, quando i biancorossi di Cosmi che disputavano però la serie A, arrivarono ai quarti di finale, per poi fermarsi di fronte allo scoglio-Juventus. Le due vittorie in casa biancorossa sono state celebrate comunque senza troppa enfasi, diciamo in tono minore per evitare di creare facili entusiasmi intorno a una squadra che ha mostrato tanti, troppi volti, dal bruttissimo allo spettacolare. Il presidente Santopadre, quindi, dopo Pescara ha chiesto conferme immediate e future, Massimo Oddo dopo Sassuolo ha sminuito l’impresa dei suoi, riconoscendo di essere stato favorito da un avversario vittima di un eccessivo turn over. Il Perugia esce da questi quattro giorni con tante certezze in più: al di là delle reazioni di casa-Grifo, il tecnico biancorosso ha avuto ulteriori conferme della bontà del modulo utilizzato durante il lavoro estivo e nelle prime due giornate, con la difesa a quattro, i tre centrocampisti, due suggeritori alle spalle della punta. Inoltre, ha avuto risposte importantissime dai giovani Nicolussi Caviglia, Nzita, Capone e Fulignati, rimasti, chi più chi meno ai margini. Con un pizzico di fiducia in più, con le certezze acquisite nelle ultime due gare, il Perugia prepara la sfida delicatissima contro il Cosenza. La prova di maturità sarà, infatti, lunedì sera, quando a Pian di Massiano arriverà una squadra, il Cosenza, ben diversa dalle ultime due affrontate. Un avversario, basta vedere i numeri, che ha conquistato gli stessi punti in casa e fuori. La formazione di Piero Braglia, che un anno fa fece lo sgambetto alla squadra di Nesta, ha messo insieme 13 punti fino a questo momento, sei quelli conquistati lontano da casa, con un successo (sul campo del Cittadella), tre pareggi a Crotone, Frosinone e Trapani. Sconfitte invece in casa del Benevento, dell’Entella e dell’Ascoli. Braglia sarebbe ancora alla ricerca dell’equilibrio tattico e nelle ultime due sedute di allenamento avrebbe provato la sua squadra con un inedito 4-4-2. Oddo, invece, sembra aver trovato la giusta via, confortato non solo dalla prestazione ma anche dai risultati.