Le pagelle del Lecce contro il Perugia al Curi

23.04.2019 11:44 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Fonte: Lidia Vivaldi
Le pagelle del Lecce contro il Perugia al Curi

Vigorito 7 - Al 91' salva il risultato su Han e Sadiq, una doppia parata che vale quanto un gol.
Venuti 6 - Si perde Falzerano sul pareggio, unica amnesia in una gara che non lo vede andare in affanno.
Marino 6 - Rimedia un infortunio e gioca diversi minuti non al meglio delle sue condizioni, fino ad allora non aveva concesso grandi spazi all'interno della propria area.
Dal 22' s.t.: Arrigoni 6,5 - Si adatta al ruolo di difensore ed entra bene in partita, distinguendosi nel gioco aereo.
Meccariello 6 - Manca la copertura su Falzerano in occasione dell1-1, rimedia con il bel cross da cui scaturisce il definitivo 1-2 di Falco.
Riccardi 5,5 - Poco elegante ma talvolta efficace, con Verre è una sfida continua e non sempre ha la meglio.
Tachtsidis 6,5 - Gestione intelligente della palla da parte del centrocampista greco, che non si risparmia anche quando si tratta di interrompere a centrocampo il fraseggio del Perugia.
Majer 5,5 - Si vede a tratti, in una delle sue fiammate va vicino al gol con un tiro dalla distanza che esce di poco oltre l'incrocio. Potrebbe fare di più.
Petriccione 6 - Combattivo nei contrasti, imbastisce con Falco lo schema che inganna l'intera difesa del Perugia e frutta il vantaggio di La Mantia.
Dal 38' s.t.: Tabanelli n.g. - Solo pochi minuti per lui.
Mancosu 6,5 - Caparbio, non si risparmia né in attacco, né quando si tratta di andare a supportare la difesa nei momenti critici. Ci prova al 37', ma trova una gran parata di Gabriel.
Falco 7 - Inesauribile soprattutto nei panni di rifinitore, è l'uomo in più nell'attacco del Lecce e lo dimostra con la rete che vale la vittoria. Precisione e tempismo.
La Mantia 6,5 - Bravo a prendere il tempo a Gyomber sul vantaggio, agisce da vertice alto e lavora bene anche a supporto dei compagni con sponde utili per creare occasioni da gol.
Dal 34' s.t.: Palombi n.g. - Forze fresche nei minuti finali per non fare abbassare troppo la squadra.