L'Umbria del podismo si è ritrivata oggi alla Mezza Maratona di Terni

12.01.2020 21:38 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
L'Umbria del podismo si è ritrivata oggi alla Mezza Maratona di Terni

Terza prestazione mondiale stagionale quella di Sofiia Yaremchuk che

bissa il successo dello scorso anno e si conferma anche alla terza

edizione della Braconi Half Marathon organizzata dall'Athletic Terni.

L'ucraina vince la gara femminile con il tempo di 1h 10' 33" ed il

percorso omologato Fidal sul circuito cittadino nella distanza di 21.097

metri si conferma tra i più veloci del circuito nazionale. Tanto da

quasi 600 iscritti provenienti da tutta Italia e da 15 diverse nazioni.

Sono arrivati da tutto il mondo per la mezza maratona più veloce

dell'Umbria. Dalla Moldavia l'olimpionico Roman Prodius che, come lo

scorso anno, ha fatto la lepre per la Yaremchuk. Ma sono arrivati anche

da Germania, Polonia, Filippine, Kenya, Rwanda, Costa d'Avorio, Francia,

Etiopia e Marocco. Il tempo della Yaremchuk rappresenta il terzo tempo

al mondo dell'anno che è appena cominciato ed il primo in Europa.

L'ucraina andrà a caccia del minimo per guadagnare la qualificazione

olimpica nella maratona e il tempo ottenuto a Terni rappresenta il più

veloce mai corso in Umbria sulla distanza della mezza maratona in ambito

femminile. Ma sono stati tanti i personal best registrati ed il tempo di

Gianfilippo Grillo rappresenta uno dei migliori risultati di sempre da

parte di un atleta umbro sulla distanza.

L'infortunio patito venerdì dal vincitore del 2019, il ruandese

Manirafasha, ha privato la corsa maschile di un altro possibile record.

Ma il tempo di 1h 08' 16" del vincitore, il kenyano Joash Koech, è

comunque di tutto rispetto. Al secondo posto l'altro kenyano Simon

Loitanyang mentre sul terzo gradino del posto sale uno straordinario

Gianfilippo Grillo, portacolori dell'Athletic Terni, che chiude con un

eccellente tempo di 1h 09' 20". Personale migliorato di oltre un minuto

rispetto una delle gare più veloci del mondo, la mezza maratona di

Valencia. Tra le donne, piazza d'onore per la sarda Raimona Nieddu che

chiude in 1h 16' 54" migliorando il proprio personale di oltre tre

minuti. Terzo posto per Federica Proietti in 1h 17' 40". La gara ha

avuto anche un risvolto benefico, gli organizzatori devolveranno un euro

per ogni iscritto al reparto di Oncoematologia dell'Ospedale di Terni,

già diretto dalla professoressa Anna Marina Liberati, presente

all'arrivo della corsa.

"Bella gara, sono molto felice per il tempo ottenuto grazie al percorso

veloce" ha detto all'arrivo il vincitore della gara maschile, il kenyano

Koech. In splendida forma il ternano Grillo: "Me la sono goduta, stavo

bene e ho corso come dovevo. Da quando ho cominciato a ingranare sulla

lunga distanza sto migliorando" ha detto. All'arrivo, però, tutti gli

occhi erano per la Yaremchuk: "Molto contenta di aver vinto questa gara

per la seconda volta. C'era molto freddo, ho fatto fatica a riscaldarmi.

Dopo il 15° km mi sentivo in crisi, ma è andata molto bene". Complimenti

agli organizzatori anche dalla seconda classificata, la sarda Raimonda

Nieddu: "Gara fantastica, ho migliorato il personale di tre minuti.

Percorso veloce, sono molto soddisfatta". Ottime performance anche da

parte di Giulio Angeloni, Daniele Petrini (sesto e secondo degli

italiani con nuovo personal best nonostante il turno di notte prima

della gara) Marco Capocci, Piergiorgio Conti e il tre volte campione del

mondo di ultramaratona Giorgio Calcaterra.