Emozioni all'Autodromo di Magione con tante gare disputate

16.09.2019 08:30 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Emozioni all'Autodromo di Magione con tante gare disputate

Giornata agonistica ricca all’Autodromo dell’Umbria, che ha ospitato ieri la quarta prova stagionale della BMW 318 Racing Series, assieme al Trofeo Italia Storico, alla Formula Libera e al Trofeo Macota by Giacomelli. Nella prima gara della BMW 318 Racing Series Silver arrivo e partenza hanno visto il medesimo ordine, ma durante la corsa i piloti non si sono certo risparmiati: in varie occasioni infatti hanno cercato occasioni di sorpasso, in particolare Giani e Brué e Crea con Bordacchini, arrivati a pochi centesimi di secondo l’uno dall’altro. Sul gradino più alto del podio sono finiti così Michele Materni (Mariotti Racing), detentore anche della pole position, Niccolò Bettini (Fainplast Racing Team) e Riccardo Giani (Scuderia Speed Motor).

Anche fra i protagonisti della sfida Gold l’ordine d’arrivo ha ricalcato quello di partenza, con l’aggiunta di qualche momento adrenalinico quando Michele Parretta (Fainplast Racing team) ha visto avvicinarsi negli specchietti Riccardo Urbani (Scuderia Speed Motor), poi arrivato secondo, precedendo Paolo Valeri (Bruum) e Piero Limonta (Scuderia Città di Gubbio).

Le gare pomeridiane hanno visto alcuni episodi “caldi”, come l’uscita di pista del perugino Stefano Brué nella Silver: il driver della Mariotti Racing è finito contro le protezioni all’uscita della curva Merzario subito dopo la partenza, dopo un contatto con un gruppo di avversari in battaglia. A prendere il largo sono stati Massimo Alunni, Rolando Bordacchini e Giani; sulla metà gara Michele Materni è è riuscito a stabilirsi in testa alla gara, poi vinta. Alle sue spalle, infine, si sono piazzati Bettini e Alunni. La nuova classifica di campionato vede così Nicolò Bettini in testa al gruppo  con 380 lunghezze, seguito da Materni a 350 e Alunni a 340 punti. 

Nella BMW 318 RS Gold gara 2 sorniona del leader Parretta, che si è mantenuto in seconda posizione fino all’ultimo giro, piazzando la “zampata” vincente alle ultime curve di gara e lasciando secondo il pur valido Riccardo Urbani, dominatore della corsa. Terzo sul podio Valeri. Come sempre affascinante la gara del Trofeo Italia Storico, dove si sono confrontate in pista diciotto vetture appartenenti a epoche storiche diverse. Animata anche la competizione del Trofeo Macota, che ha visto i piloti darsi battaglia sul filo del cronometro, con la consueta modalità “slalom”. il vincitore finale è risultato Daniele Ravaioli sul prototipo Giansoldati-Yamaha, seguito dalla Radical SR4 di Antonio Morali e dalla Renault Clio di Antonio Lepore. In gara anche la Formula Libera, serie riservata alle sole monoposto, che ha visto la F.3 Dallara di Mauro Brozzi tagliare per prima il traguardo per la categoria della vetture più potenti, seguita dalla vettura di Patrick Bellezza. Terzo posto per la Mygale 1.60 di Giacomo Brozzi, per chiudere “in famiglia” il podio della corsa. Il prossimo appuntamento agonistico con i Trofei automobilistici del Borzacchini si svolgerà il 27 Ottobre, quando insieme alle serie tutte “made in Magione” si correranno anche la Smart EQ ForTwo Cup, la Entry Cup by Peroni e il Challenge Ford Sprint.