Cresce l'attesa per la sfida di sabato contro il Pordenone

20.11.2019 15:33 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Cresce l'attesa per la sfida di sabato contro il Pordenone

Le ambizioni sono state dichiarate, Roberto Goretti ha parlato apertamente di obiettivo promozione in serie A per il Perugia. Secondo quanto scrive Francesca Mencacci su La Nazione, la società biancorossa vuole provarci, la rosa allestita, con qualche ritocco necessario a gennaio nel mercato di riparazione, è per tentare di fare il salto. Per questo il club ha deciso di mettere la squadra nelle migliori condizioni, di non lasciare nulla al caso e dopo aver organizzato il charter per la trasferta di Crotone, il presidente Santopadre si ripete anche in occasione della prossima sfida, sabato a Udine, contro il Pordenone. La distanza non è proibitiva, da Perugia a Udine ci sono poco più di cinquecento chilometri, ma il presidente del Grifo ha deciso di ripetere l’esperienza di Crotone e rendere il viaggio della squadra meno pesante possibile. Santopadre vuole che la squadra renda al meglio nella partita che dovrà rilanciare la squadra dopo a sconfitta interna con il Cittadella. Solo oggi si saprà quando la squadra raggiungerà Udine con partenza da Perugia. Le soluzioni da valutare sono la partenza il venerdì sera, vigilia del match o sabato mattina come è accaduto per Crotone. Ma in quella circostanza il viaggio a ridosso del match fu dettato da un problema al computer di bordo del charter. Visto però il risultato finale, successo a Crotone, chissà che Santopadre non decida, anche con un pizzico di scaramanzia, di ripetere la stessa situazione. A decidere la data sarà proprio il presidente atteso oggi a Pian di Massiano. La partenza con il charter per Udine può essere considerato un piccolo privilegio, ma il Perugia ha la necessità di riprendere al più presto il suo cammino, archiviare lo scivolone interno e ripartire. Sabato si gioca uno scontro diretto: o meglio il Pordenone (formazione neo promossa) non è sulla carta una candidata alla vittoria finale ma dopo dodici turni ha gli stessi punti, diciannove, del Perugia di Oddo. Pordenone è una bella realtà oltre che una bella sorpresa. Al Grifo l’antipatico compito di risvegliare dal sogno la squadra di Tesser.