Che grande Tuum Perugia! Approda in semifinale verso l'A2 di volley femminile!

 di Redazione Perugia24.net  articolo letto 280 volte
Che grande Tuum Perugia! Approda in semifinale verso l'A2 di volley femminile!

TUUM PERUGIA – VOLLEYRÒ CASAL DE’ PAZZI = 3-0

(25-13, 25-21, 27-25)

PERUGIA: Catena 20, Minati 14, Martinuzzo 11, Porzio 9, Cruciani 4, Gorini 2, Chiavatti (L1). N.E. – Stincone, Mearini, Tiberi, Puchaczewski, Ragnacci, Gaggiotti, Santibacci (L2). All. Fabio Bovari e Daniele Panfili.

CASAL DE’ PAZZI: Giugovaz 10, Nwakalor 9, Mancinelli 5, Bartolini 5, Cecconello 1, Scola, Napodano (L), Ciarrocchi 4, Ghezzi 2, Scognamillo, Compierchio. All. Sandor Kantor e Matteo Pilieci.

Arbitri: Aldo Fogante e Roberta Tramba.

TUUM (b.s. 6, v. 5, muri 7, errori 17).

VOLLEYRÒ (b.s. 9, v. 5, muri 3, errori 8).

PERUGIA – Arriva prontamente la replica della Tuum Perugia che concede il bis al Pala-Evangelisti vincendo gara-due dei quarti di finale ed avanzando nei play-off promozione. Regalano spettacolo le magliette nere che sfoderano una prestazione di ottima fattura e regalano una gioia ai numerosi sportivi intervenuti sugli spalti (oltre cinquecento gli spettatori) a godersi lo spettacolo e a sostenere i propri colori. Il primo passo è dunque compiuto in serie B1 femminile, le perugine si confermano una delle compagini più ambiziose della terza categoria nazionale, eliminando la pericolosa Volleyrò Casal De’ Pazzi. Ottima la battuta (cinque gli ace), incisivo l’attacco (47%), compatto il muro (sette a segno), fondamentali che hanno decretato una supremazia del sestetto umbro bravo a mantenere elevato il suo rendimento. Perugia tra le titolari presenta ancora Gorini al palleggio, le laziali cambiano radicalmente assetto rispetto alla prima sfida inserendo Scola in regia in diagonale a Mancinelli e spostando Nwakalor di banda. Al fischio d’inizio partono a razzo le ospiti (0-3), il ritardo è prontamente annullato da Catena e Cruciani piazza il primo muro che vale il sorpasso (6-5). Si procede spalla a spalla per un po’ sino a che Minati va in battuta e piazza l’accelerazione che porta in dote dodici punti consecutivi, di cui due ace (21-10). Entra Ciarrocchi tra le fila ospiti ma serve solo a rallentare la corsa, l’uno a zero è inevitabile ed arriva su loro errore in battuta. Si riprende a giocare con atteggiamento diverso e le squadre avanzano alla pari (6-6). Sul nuovo turno letale di Minati è capitan Porzio ad affondare i colpi da posto-quattro che fanno prendere il comando (10-6). Il gap viene mantenuto grazie alla distribuzione puntuale di Gorini e l’ingresso di Scognamillo tra le laziali non ha gli esiti sperati (21-16). C’è solo una esitazione prima che Catena metta a terra il punto del raddoppio. La terza frazione comincia nel segno di Catena che trascina prima sul 6-2 e poi sull’11-5. Le capitoline sono sornione ma attendono la loro occasione per rientrare in corsa andando ad impattare con alcune belle giocate di Nwakalor che nel frattempo è tornata a giocare da opposta (15-15). La lotta è serrata e si protrae sino in fondo con Ghezzi e Porzio attivissime (23-23). Le occasioni per chiudere sono da ambo le parti, decisiva è Catena che piega le mani del muro avversario e porta in trionfo la Tuum.