Ginnastica ritmica protagonista ad Acquasparta con il campionato individuale

02.03.2019 10:00 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Ginnastica ritmica protagonista ad Acquasparta con il campionato individuale

Tante gare, tantissimi atleti umbri in pedana nella nostra regione, ma anche oltre confine. Ogni fine settimana si mette in moto una macchina complessa e articolata dal punto di vista organizzativo.

RITMICA - Ad Acquasparta, invece, luci accese sulla prima prova del campionato individuale Silver LA-LB-LC-LD-LE di ginnastica ritmica, che ha visto la partecipazione di circa 130 atlete, portacolori delle seguenti 12 società: Fortebraccio Perugia, Fulginium Foligno, CJG Tifernate Città di Castello, La Fenice Spoleto, Fontivegge Gryphus Perugia, Ginnastica Umbria Spoleto, Nuova Nastro Rosa Norcia, Ritmica Altea Marsciano/Todi, Arcobaleno Trevi, Gymnica Bastia, Gymnica Terni e Olympia 2000 Bastardo/Todi. Anche in questo caso, spettacolo e divertimento al Palasport “Mauro Liti”, di fronte a un buon numero di sportivi, genitori e curiosi. L’organizzazione è stata curata dalla Gymnica Terni. Alla cerimonia di premiazione hanno preso parte la presidente del Comitato Regionale Antonella Piccotti, la vice presidente e padrona di casa Danila Trombettoni e il consigliere Giuseppe Vaccaro.

RITMICA SERIE B - E passiamo al campionato nazionale di serie B (terza giornata), che ha visto impegnate, a Desio, uniche a rappresentare l’Umbria, le ragazze della Fortebraccio Perugia, le quali hanno confermato le loro indubbie qualità tecniche e caratteriali. Sulle pedane lombarde del “PalaBanco”, il podio è sfuggito per un soffio, per 0,45 punti, alla compagine perugina, classificandosi al quarto posto (è sesta in classifica generale). La squadra era composta da Tabatha Barberini alla palla, Vittoria Laliscia al cerchio e al nastro, Rebecca Vinti alla fune e Laura Salacca (ginnasta in prestito dalla società Motto Viareggio) alle clavette.

Ora manca solo la quarta e ultima prova, a Ferrara il 16 e 17 marzo, ma la graduatoria consente una certa tranquillità sulla permanenza in serie B.