Il Pink is Good Running Team Perugia protagonista alla Half Marathon Lucca! Tanti sorrisi e un gran divertimento

07.05.2019 07:30 di Redazione Perugia24.net   Vedi letture
Fonte: Antonello Menconi
Il Pink is Good Running Team Perugia protagonista alla Half Marathon Lucca! Tanti sorrisi e un gran divertimento

Una bella soddisfazione per il Pink is good Running Team Perugia, che, in vista della Grifonissima, ha preso parte alla sesta edizione della Half Marathon Lucca con tre atlete, vivendo un'esperienza bellissima e quanti mai divertente. Erano in gara nella staffetta Silvia Bongi, Francesca Roscini e Maria Luisa Lucchesi, percorrendo ognuno oltre 10 chilometri senza mai perdere il sorriso che le contraddistingue da quanto hanno iniziato questa nuova avventura da runner. La loro esperienza era stata anticipata a Perugia dall'orologio di Palazzo dei Priori che era stato illuminato di rosa alla vigilia per accompagnare le ragazze verso questa gara. Illuminare di rosa un monumento cittadino in questa occasione era stata la promessa con cui l’assessore al Welfare del Comune di Perugia, aveva voluto chiudere la presentazione ufficiale del Team lo scorso 25 marzo. “L’orologio scandisce il tempo, un tempo che per i pazienti oncologici assume un significato del tutto speciale – era stato spiegato - e che per le runner perugine ha ripreso, fortunatamente, a scorrere meglio di prima. Con questa iniziativa si è voluto non solo accompagnarle nella loro prima gara importante, ma contribuire a rafforzare la loro attività di sensibilizzazione a corretti stili di vita e alla prevenzione, nella consapevolezza di quanto tutto ciò sia fondamentale nella lotta ai tumori. L’orologio illuminato di rosa ha voluto ricordare che è necessario prenderci il tempo per la nostra salute”. Ricordiamo che il progetto Pink is good Running Team di Fondazione Umberto Veronesi ha il duplice scopo di raccogliere fondi a sostegno della ricerca scientifica d’eccellenza contro i tumori femminili e di diffondere una corretta informazione sull’importanza della prevenzione, attraverso la testimonianza delle Pink runner di ciascuna città, che dallo scorso mese di gennaio hanno iniziato un costante allenamento, sotto la guida esperta di un coach Fidal e con la collaborazione di una nutrizionista e uno psiconcologo.